Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7629 del 04/04/2011

Cassazione civile sez. II, 04/04/2011, (ud. 22/02/2011, dep. 04/04/2011), n.7629

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo – Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. PROTO Cesare Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.D.A. C.F. (OMISSIS), ADDA WEST

RIVER SRL C.F. (OMISSIS) E P.I. (OMISSIS) IN PERSONA DEL SUO

AMMINISTRATORE UNICO Sig. A.E., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA ANTONIO SOGLIANO 70, presso lo studio dell’avvocato BERETTA

EMILIO BATTISTA, che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

IDEA CASA DUE DI LECCESE PIETRO & C SAS, ORA GRUPPO LECCESE SPA,

P.I.

(OMISSIS) IN PERSONA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE PRO TEMPORE SIG.

L.P., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RODI 32,

presso lo studio dell’avvocato CHIOCCI MARTINO UMBERTO, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato IGLIO PIETRO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2829/2004 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 05/11/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/02/2011 dal Consigliere Dott. CESARE ANTONIO PROTO;

udito l’Avvocato Beretta Emilio Battista difensore dei ricorrenti che

ha chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avv. Chiocci Martino Umberto difensore della resistente che

ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio, che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con citazione notificata il 13/3/1999 P.D.A. e la soc. Adda west River s. r. L. convenivano in giudizio la Idea Casa Due s.a.s. chiedendo l’esecuzione specifica dell’obbligo di concludere il contratto di compravendita immobiliare di cui al contratto preliminare del 29/10/1998 con il quale la Idea Casa Due aveva promesso in vendita al P. un immobile e un terreno.

La promittente venditrice si costituiva, eccepiva la carenza di legittimazione attiva della Adda West River o chiedeva il rigetto della domanda; in via riconvenzionale chiedeva la declaratoria di risoluzione del contratto con la condanna del P. al pagamento di un indennizzo.

Gli attori, precisando le conclusioni, chiedevano in via subordinata la declaratoria di risoluzione del contratto per fatto e colpa della promittente venditrice e la condanna della stessa al risarcimento dei danni.

Il Tribunale di Varese accoglieva la domanda attorea e trasferiva la proprieta’ dell’immobile e del terreno ai la A.dda West River;

respingeva la domanda riconvenzionale di Idea Casa Due s.a.s.

La convenuta soccombente proponeva appello al quale resistevano gli attori i quali proponevano appello incidentale chiedendo che, in caso di accoglimento delle domande avversarie, il contratto preliminare fosse dichiarato risolto per fatto e colpa di Idea Casa Due, con la sua condanna al risarcimento dei danni da liquidarsi in separato giudizio.

La Corte di Appello di Milano con sentenza del 5/11/2004 rigettava la domanda di esecuzione in forma specifica del contratto preliminare e lo dichiarava risolto per inadempimento di Idea Casa Due; condannava la societa’ inadempiente al risarcimento dei danni subiti da P.D. da liquidarsi in separato giudizio; rigettava la domanda risarcitoria di Adda West River.

La Corte territoriale dava atto che il Tribunale aveva qualificato il contratto intercorso tra le parti come preliminare di vendita per persona da nominare e che tale qualificazione non era stata censurata dagli appellati al contratto, cosi’ qualificato, doveva essere applicata la norma dell’art. 1402 c.c. per la quale la dichiarazione di nomina avrebbe dovuto essere comunicata a controparte entro tre giorni dalla stipulazione del contratto in mancanza di indicazione di un termine diverso, nella specie non indicato. Cio’ premesso, la Corte territoriale rilevava che la nomina del terzo era stata tardiva e che il contratto produceva i suoi effetti tra gli originari stipulanti; pertanto rigettava la domanda di esecuzione specifica a favore di Adda West River, dando atto che il P. non aveva richiesto l’esecuzione in forma specifica a proprio favore.

La Corte, infine, accoglieva la domanda del P. di risoluzione del contratto per fatto e colpa di Idea Casa Due in quanto questa non si era presentata dal notaio nel giorno indicato dal P.. Propongono ricorso per Cassazione il P. e la Adda West River sulla base di quattro motivi; resiste con controricorso Idea Casa Due.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo i ricorrenti deducono violazione e falsa applicazione dell’art. 1402 c.c. perche’ la Corte di Appello avrebbe erroneamente ritenuto che la riserva di nomina fosse riferita al preliminare invece che al contratto definitivo e, in ogni caso, perche’ non avrebbe considerato che, in caso di inadempimento di preliminare che preveda la possibile sostituzione di un terzo nel definitivo, e’ sufficiente che la dichiarazione di nomina sia effettuata con la domanda giudiziale.

Il motivo e’ inammissibile per difetto del requisito di autosufficienza e perche’ non pertinente alla ratio decidendi: i ricorrenti, in concreto, lamentano la violazione di legge come conseguenza dell’erronea interpretazione della volonta’ contrattuale, ossia di un (preteso) vizio, che avrebbe dovuto essere censurato come vizio di motivazione; invocano, in particolare una diversa interpretazione della clausola contrattuale e della volonta’ delle parti in ordine al termine per la indicazione del terzo senza riportare il contenuto dell’accordo negoziale e, comunque, prospettano una interpretazione diversa da quella data dal giudice di merito senza addurre alcuno specifico motivo di censura e senza attingere la ratio decidendi della sentenza di appello laddove si e’ ritenuto che la qualificazione del contratto preliminare per persona da nominare era divenuta definitiva.

Sulla base della premessa in fatto, non contestabile, per la quale le parti avevano inteso stipulare un contratto preliminare per persona da nominare senza indicazione di un termine per la electio amici e, quindi, con applicabilita’ del termine legale di tre giorni dalla stipulazione del contratto, la Corte territoriale ha fatto corretta applicazione dell’art. 1402 c.c. non attribuendo rilevanza alla nomina del terzo effettuata con l’atto di citazione, essendo decorso il termine legale.

2. Con il secondo motivo 1 ricorrenti lamentano violazione dell’art. 1405 c.c. e dell’art. 112 c.p.c. e vizio motivazionale; assumono che la Corte territoriale, accertata la tardivita’ della dichiarazione di nomina, avrebbe dovuto applicare l’art. 1405 c.c. e, quindi, la disposizione per la quale, in caso di mancata nomina, il contratto produce effetto tra le parti; in applicazione della suddetta disposizione la Corte avrebbe dovuto rilevare, con una corretta interpretazione della domanda, che il P. aveva implicitamente richiesto il trasferimento dei beni immobili promessi in vendita a proprio favore. La censura e’ manifestamente infondata:

dalla motivazione della sentenza appellata risulta che il P. aveva chiesto l’esecuzione in forma specifica del contratto non in suo favore, ma in favore del terzo nominato e, in via subordinata, la declaratoria di risoluzione per inadempimento della promettente venditrice: non era quindi possibile una interpretazione estensiva della domanda, nel senso voluto dai ricorrenti, perche’ lo stesso P. proponendo domanda di risoluzione del contratto in mancanza di accoglimento della domanda principale di esecuzione in forma specifica a favore della Adda West, formulava un richiesta incompatibile con la volonta’ di rendersi acquirente, in proprio, dei beni oggetto del preliminare.

3. Con il terzo motivo 1 ricorrenti deducono violazione dell’art. 2969 c.c. e dell’art. 112 c.p.c. censurando il vizio di ultrapetizione nel quale sarebbe incorsa la Corte di Appello che, a loro dire, avrebbe dichiarato la decadenza dalla facolta’ di nomina del terzo per decorso del termine in assenza della relativa eccezione.

Il motivo e’ infondato: l’affermazione per la quale non sarebbe stata eccepita la decadenza e’ del tutto apodittica e smentita dalla mera lettura della motivazione della sentenza impugnata dalla quale risulta che sin dal primo grado era stato esaminato il profilo della tempestivita’ della designazione del terzo (v. pag. 2 della sentenza impugnata e con riferimento al contenuto della decisione di primo grado “…il Tribunale di Varese ha ritenuto che la designazione del terzo, che doveva essere fatta all’atto della stipula del definitivo, era stata effettuata tempestivamente”); inoltre, sempre dalla sentenza impugnata (pag. 3), risulta che con il primo motivo dell’atto di appello Idea Casa Due s.a.s. aveva dedotto che il P. avrebbe dovuto comunicare la nomina ad essa appellante entro il termine e con le modalita’ dell’art. 1402 c.c. Solo per completezza si osserva ulteriormente che la controricorrente in controricorso ha puntualmente indicato gli atti difensivi (comparsa di costituzione in primo grado, memoria ex art. 182 c.p.c., comparsa conclusionale, atto di citazione in appello) con i quali ha sollevato la relativa eccezione, trascrivendo alla lettera le parti rilevanti.

Dai precetti atti si evince con assoluta chiarezza che l’eccezione era stata sollevata.

4. Con il quarto motivo i ricorrenti deducono violazione e falsa applicazione degli artt. 1405 e 1406 c.c. lamentando che il giudice di appello non avrebbe considerato che, quand’anche fosse stata tardiva la dichiarazione di nomina, la volonta’ delle parti era comunque diretta alla cessione del contratto a favore della terza designata e che la dichiarazione equivaleva a cessione di contratto rispetto alla quale non sarebbe stato manifestato dissenso dalla controparte. Il motivo e’ inammissibile oltre che infondato. E’ inammissibile perche’ introduce, per la prima volta nel giudizio di legittimita’ una questione di merito nuova in quanto il tema della cessione del contratto quale conseguenza della dichiarazione di nomina non era mai stato trattato nei gradi di merito; solo per completezza di argomentazione si osserva inoltre, quanto all’infondatezza, che per la cessione del contratto ai sensi dell’art. 1406 c.c. e’ necessario il consenso della controparte contrattuale e, nella specie, dalle stesse difese di Idea Casa poteva formalmente evincersi non gia’ un consenso, ma un espresso dissenso.

Ove i ricorrenti avessero invece voluto attribuire alla sottoscrizione del contratto da parte della promittente venditrice il significato di preventivo consenso alla cessione: del contratto, in difformita’ rispetto alle espressioni utilizzate, sarebbe stato onere dei medesimi indicare e riportare gli elementi, in tesi trascurati nella fase del merito, che avrebbero dovuto convincere che la volonta’ contrattuale era diretta ad un preventivo consenso alla cessione.

5. Le spese di lite, liquidate come in dispositivo, seguono a soccombenza dei ricorrenti.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti a pagare alla controricorrente le spese di questo giudizio di cassazione che si liquidano in complessivi. Euro 4.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 22 febbraio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA