Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7613 del 04/04/2011

Cassazione civile sez. I, 04/04/2011, (ud. 09/02/2011, dep. 04/04/2011), n.7613

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. MACIOCE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

B.T. elettivamente domiciliato in ROMA, via A. Pollaiolo 5

presso l’avvocato Ranalli Luca e rappresentato e difeso dall’avvocato

Mamone Luigi giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Prefetto UTG di Reggio Calabria – Questore di Reggio Calabria e Min.

Interno;

– intimati-

Avverso il decreto in data 15.7.2009 del Giudice di Pace di Reggio

Calabria n. 3394/09;

udita la relazione del cons. Dott. Macione Luigi ud. 9.3.2011;

Udito l’avv. Bottone, per delega, per il ricorrente;

Sentite le conclusioni del P.G. in persona del Sost. Proc. Gen. Dott.

APICE Umberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il cittadino del (OMISSIS) B.T. espulso dal territorio nazionale con decreto 19.01.2004 del Prefetto di Reggio Calabria, contrasse matrimonio in data (OMISSIS) con cittadina comunitaria e su tal base presento’ istanza di rilascio di permesso di soggiorno per coesione familiare. Avendo il Questore di Reggio Calabria dichiarato che tal istanza poteva essere considerata solo dopo la revoca della pregressa espulsione, il B. propose la richiesta di revoca ma il Prefetto di Reggio Calabria, destinatario, la respinse con nota 4.2.2009 sul rilievo che il decreto di espulsione era oramai divenuto definitivo. Avverso tale decreto di rigetto lo straniero ha quindi proposto ricorso (prima al TAR competente, che ha declinato, e quindi) al Giudice di Pace di Reggio Calabria. L’adito Giudice, sul rilievo che il provvedimento opposto era solo una comunicazione di irrevocabilita’ di pregresso decreto espulsivo, non opposto, lo ha dichiarato inammissibile. Per la cassazione di tale decreto B.T. ha proposto ricorso il 29.7.2009 ma gli intimati Prefetto e Questore di Reggio Calabria non hanno svolto difese. Il ricorso censura l’inopinato diniego di esame della istanza di revoca motivato con la inconsistente affermazione della acquisizione di irrevocabilita’ della espulsione revocanda. Invoca il sostegno di S.U. n. 3686 del 2009. Il ricorso, all’esito di relazione ex art. 380 bis c.p.c., e’ pervenuto al Collegio in sede camerale che, con ordinanza 23576 del 2010, ha disposto la sua trattazione in pubblica udienza.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ritiene il Collegio che il Giudice di Pace sia pervenuto alla esatta decisione di rigettare il ricorso avverso il diniego di revoca attraverso una motivazione che deve essere radicalmente corretta in diritto. Il giudice del merito, infatti, ha errato nel ritenere che gli fosse stato chiesto l’esame della espulsione del 2004, certamente irrevocabile e quindi ex se non esaminabile, nel mentre non si e’ avveduto che gli era stato chiesto il controllo di legittimita’ del decreto 4.2.2009 con il quale il Prefetto comunicava di non “poter” revocare un decreto passato in giudicato, quindi mancando di esercitare un controllo di merito sulle ragioni della chiesta revoca che rientrava appieno nelle sue attribuzioni (S.U. n. 20122 del 2005 e n. 3686 del 2009).

Ma, come dianzi detto, la impugnazione del diniego di revoca non sarebbe stata comunque accoglibile.

Si premette che la posizione del B.T., coniuge da (OMISSIS) di cittadina comunitaria, e privo della Carta di soggiorno (della quale non risulta avesse fatto richiesta) ai sensi del D.Lgs. n. 30 del 2007, era interamente regolata, quanto a permanenza nel territorio nazionale, dal T.U. dell’immigrazione del 1998 con le successive modificazioni, e quindi dalle previsioni sul diritto al permesso per coesione familiare od al ricongiungimento alla stregua delle norme del T.U. citato e delle modifiche ad esso apportate dai D.Lgs. n. 5 del 2007 e D.Lgs. n. 160 del 2008 (si rammenta al proposito quanto affermato da Cass. 17346 del 2010), diritto che il B.T. aveva pur azionato chiedendo al Questore il rilascio del titolo, che gli venne negato sulla base della ostativita’ della espulsione non revocata.

Ebbene, invece di impugnare innanzi al Tribunale competente il diniego al rilascio che il Questore aveva erroneamente fondato sulla esistenza di una pregressa espulsione consolidata, il B. T., da tal errata motivazione indotto, ha chiesto a Prefetto la revoca della espulsione “ostativa”, revoca che nessuna norma avrebbe autorizzato posto che nessuna situazione sopravvenuta (men che meno il matrimonio susseguente: vd. Cass. 16208 del 2006) tal revoca avrebbe imposto. E la richiesta di revoca, se pur con la citata motivazione errata in diritto, venne correttamente respinta.

Sarebbe spettato invece al Questore, pur richiesto da B.T. di rilasciare il titolo di soggiorno per coesione familiare, applicare le norme quali modificate dal D.Lgs. n. 5 del 2007: questa Corte ha infatti affermato (Cass. n. 5324 del 2008) che in tema di disciplina dell’immigrazione, ai sensi del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 13, comma 13 cosi’ come modificato dal D.Lgs. 8 gennaio 2007, n. 5, art. 2, comma 1, lett. c), n. 2 in attuazione della direttiva del Consiglio dell’Unione Europea n. 2003/86/CE del 22 settembre 2003, in materia di ricongiungimento familiare, non costituisce ostacolo per l’adozione da parte del Questore e per l’attuazione del provvedimento di autorizzazione al ricongiungimento il fatto che lo straniero, beneficiario di detto provvedimento, sia stato precedentemente espulso e sussista, quindi, per il medesimo il divieto di fare rientro nel territorio italiano – sempreche’ il decreto di espulsione non sia stato emesso per motivi connessi alla pericolosita’ sociale dello straniero.

Ma, come dianzi detto, invece di prospettare in sede di impugnazione innanzi al Tribunale le ragioni della illegittimita’ del rifiuto del rilascio del permesso (appunto attestate sulla esistenza di una ostativita’ astratta della pregressa, non revocata, espulsione), il B.T. ha richiesto – comprensibilmente indotto dalla inesatta motivazione del provvedimento – a chiedere una impensabile revoca e quindi ad impugnare innanzi a Giudice di Pace la decisione prefettizia di “non revocare”. Da quanto esposto consegue il rigetto della odierna impugnazione la quale insiste nella invocazione di ragioni di illegittimita’ nel diniego di revoca, affatto inesistenti, senza avvedersi di aver mancato di proporre innanzi al giudice competente le censure proponibili avverso il diniego di permesso e la sua errata valutazione di ostativita’. Nulla e’ a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 9 Marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA