Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7603 del 18/03/2021

Cassazione civile sez. VI, 18/03/2021, (ud. 11/02/2021, dep. 18/03/2021), n.7603

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – rel. Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 11967-2020 proposto da:

F.C., quale procuratore di Bianco Rosa, elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE

di CASSAZIONE, rappresentato e difeso da se stesso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA SALUTE 96047640584;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 22829/2017 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 29/09/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’11/02/2021 dal Consigliere Relatore Dott. SCODITTI

ENRICO.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

con ordinanza n. 22829 del 29 settembre 2017 di questa Corte fu dichiarata l’inammissibilità del ricorso con condanna del ricorrente alla rifusione delle spese di lite.

Ha proposto istanza di correzione di errore materiale il difensore della parte controricorrente, evidenziando che, nonostante nelle conclusioni del controricorso fosse stato richiesto, non venne disposta la distrazione in favore del procuratore anticipatario.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

va premesso che in caso di omessa pronuncia sull’istanza di distrazione delle spese il rimedio esperibile è costituito dal procedimento di correzione degli errori materiali ed il difensore è legittimato a proporre il relativo ricorso se nel corso del giudizio ne aveva formulato specifica richiesta, la quale deve ritenersi validamente proposta anche nel caso in cui manchi l’esplicita dichiarazione in ordine alla avvenuta anticipazione delle spese ed alla mancata riscossione degli onorari, atteso che quest’ultima può ritenersi implicitamente contenuta nella domanda di distrazione (Cass. Sez. U. n. 31033 del 2019).

Posto che nel controricorso vi è domanda di distrazione, deve essere disposta la correzione dell’errore materiale.

PQM

Dispone che nel dispositivo dell’ordinanza n. 22829 del 29 settembre 2017 di questa Corte, dopo la liquidazione delle spese processuali, deve intendersi inserita la seguente clausola: “con distrazione in favore dell’avv. F.C., difensore di Bianco Rosa”.

Così deciso in Roma, il 11 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 18 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA