Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7593 del 30/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 30/03/2020, (ud. 11/12/2019, dep. 30/03/2020), n.7593

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. TINARELLI FUOCHI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. NOVIK Adet Toni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6306-2014 proposto da:

ENNE ESSE COSTRUZIONI DI N.P. & C. SNC, N.P.,

P.M., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA LUIGI LUCIANI

1, presso lo studio dell’avvocato DANIELE MANCA BITTI, rappresentati

e difesi dall’avvocato GIUSEPPE LAI;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 42/2013 della COMM.TRIB.REG. di CAGLIARI,

depositata il 13/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

11/12/2019 dal Consigliere Dott. ADET TONI NOVIK.

Fatto

CONSIDERATO

CHE:

– Con sentenza n. 42/04 2013, depositata il 13/12/2013, la commissione tribunale regionale della Sardegna (CTR) ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dalla società Enne Esse Costruzioni di N.P. & C. snc e dai soci avverso la sentenza della CTP di Cagliari, che aveva a sua volta rigettato i ricorsi contro gli avvisi di accertamento Iva, Irap, Irpef per gli anni 2003 e 2004, emessi dall’agenzia delle entrate;

– la CTR ha ritenuto che i motivi di appello proposti dai contribuenti non fossero specifici, in quanto l’atto, nella parte rubricata “motivi/fatto e svolgimento del processo”, si limitava ad una cronistoria dei fatti, mentre in quella rubricata “osservazioni”, erano richiamate le ragioni poste dall’ufficio alla base dell’accertamento impugnato; mancavano, secondo la commissione regionale, specifiche censure alla decisione del primo giudice e le ragioni alla base della domanda di riforma;

– i contribuenti ricorrono per cassazione sulla base di un motivo, illustrato con memoria;

– l’agenzia resiste con controricorso;

– il ricorrente, con l’unico motivo, deduce il vizio di violazione e/o falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, nullità della sentenza o del procedimento, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4, in quanto, erroneamente i giudici d’appello, avevano ritenuto il difetto di specificità dei motivi, solo perchè erano state riproposte in appello le stesse argomentazioni “spese” nel corso del primo grado di giudizio, che erano state ritenute dall’appellante idonee a confutare la pretesa impositiva;

– la censura è fondata;

– secondo l’insegnamento di questa Corte, “In tema di contenzioso tributario, la riproposizione, a supporto dell’appello proposto dal contribuente, delle ragioni di impugnazione del provvedimento impositivo in contrapposizione alle argomentazioni adottate dal giudice di primo grado assolve l’onere di impugnazione specifica imposto dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, atteso il carattere devolutivo pieno, nel processo tributario, dell’appello, mezzo quest’ultimo non limitato al controllo di vizi specifici, ma rivolto ad ottenere il riesame della causa nel merito” (Cass. ord. n. 1200/16, 14908/14, 13182/18, 13183/18, v. anche Cass. sez. un. 27199/17);

– la CTR affermando: ” (…) che la rilevata assenza di uno specifico impianto di censure equivale, sotto il profilo sostanziale, ad una rinuncia degli appellanti a proporre, contravvenendo al disposto dell’art. 53 cit., validi motivi di appello” si è discostata dai principi regolatori della materia;

– infatti, il ricorrente, pur riportando nel ricorso di aver riproposto i motivi d’opposizione all’accertamento (riportati alle pagg. 4-5 del ricorso) ha, altresì, evidenziato la correlazione degli stessi con i dati della contabilità, ritenuta regolare, e ne ha specificato la valenza, circostanza che consentiva al giudice del gravame di percepire con certezza il contenuto delle censure, di talchè il motivo può essere accolto, anche in applicazione del principio cardine di “strumentalità delle forme” degli atti del processo, siccome prescritte dalla legge non per la realizzazione di un valore in sè o per il perseguimento di un fine proprio ed autonomo, ma in quanto strumento più idoneo per la realizzazione di un certo risultato, il quale si pone come il traguardo che la norma disciplinante la forma dell’atto intende conseguire (cfr. anche Cass., 12 maggio 2016, n. 9772);

– in accoglimento del ricorso la sentenza va cassata e la causa va rinviata alla CTR della Sardegna, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito

della controversia.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Sardegna, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 11 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA