Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7552 del 23/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 23/03/2017, (ud. 08/02/2017, dep.23/03/2017),  n. 7552

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Presidente –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6417-2013 proposto da:

G.A. (OMISSIS), B.V. (OMISSIS),

BR.VI. (OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA F. DENZA

15, presso lo studio dell’avvocato ANIELLO IZZO, che li rappresenta

e difende unitamente all’avvocato ARMANDA LESSINI;

– ricorrenti –

contro

L.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FRATELLI

RUSPOLI 2, presso lo studio dell’avvocato FRANCO GLANDARELLI,

rappresentato e difeso dall’avvocato DOMENICO VALTER GRASSO;

– controricorrente –

nonchè contro

G.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DI MONTE

FIORE 22, presso lo studio dell’avvocato STEFANO GATTAMELATA, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati MARIA SALA, CLAUDIO

SALA;

– controricorrente incidentale –

nonchè contro

COMUNE MILANO, elettivamente domiciliato in ROMA, LUNGOTEVERE MARZIO

3, presso lo studio dell’avvocato RAFFAELE IZZO, che lo rappresenta

e difende unitamente agli avvocati MARIA RITA SURANO, ANTONELLO

MANDARANO, ALESSANDRA MONTAGNANI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3818/2012 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 29/11/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/02/2017 dal Consigliere Dott. LOMBARDO LUIGI GIOVANNI;

udito l’Avvocato FLORIDI Alberto Maria, con delega depositata in

udienza dell’Avvocato GATTAMELATA Stefano difensore del resistente

G.A., che ha chiesto estinzione del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PEPE ALESSANDRO che ha concluso per l’estinzione del procedimento

per intervenuta rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE.

Ritenuto che B.V., Br.Vi. e G.A. hanno proposto ricorso per cassazione nei confronti di L.A., di G.A. e del Comune di Milano avverso la sentenza della Corte di Appello di Milano di cui in epigrafe;

Ritenuto che i ricorrenti hanno rinunciato al ricorso con atto sottoscritto dal loro difensore espressamente delegato e che la rinuncia è stata accettata da tutte le parti intimate in forza di atti sottoscritti dai loro difensori all’uopo delegati;

Atteso che, alla luce di quanto sopra e visto il combinato disposto degli artt. 306 e 390 c.p.c., il processo va dichiarato estinto e che, stante l’accettazione della rinuncia, nulla va statuito sulle spese.

PQM

dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 8 febbraio 2016.

Depositato in Cancelleria il 23 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA