Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 754 del 13/01/2017

Cassazione civile, sez. trib., 13/01/2017, (ud. 20/12/2016, dep.13/01/2017),  n. 754

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. BIELLI Stefano – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 23698-2010 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

G.L., elettivamente domiciliato in ROMA VIA F. CORRIDONI 15

SC. A 1, presso lo studio dell’avvocato PAOLO AGNINO, che lo

rappresenta e difende giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 248/2009 della COMM.TRIB.REG. di ROMA,

depositata il 01/07/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/12/2016 dal Consigliere Dott. LAURA TRICOMI;

udito per il ricorrente l’Avvocato DETTORI che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

MASELLIS Mariella, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Il socio G.L. della società Cornetteria San Germano di G.L. e C. SNC impugnava, per quanto interessa, gli avvisi di accertamento emessi nei suoi confronti per IRPEF ed addizionale regionale, relativi al reddito da partecipazione alla società.

La Commissione Tributaria Regionale del Lazio con le sentenze n. 248/14/09, depositata il 01.07.2009 e non notificata, in riforma della sentenza di primo grado, li annullava.

2. Il giudice di appello aveva ritenuto che la mancata risposta al questionario da parte del contribuente non avesse comportato la decadenza dal diritto a depositare e far valere in giudizio documentazione a suo favore, giacchè solo la fase processuale poteva garantire la pienezza del contraddittorio ed assicurare il rispetto del principio di capacità contributiva ex art. 53 Cost. Ne aveva dedotto, quindi, che la documentazione esibita poteva “comprovare l’esistenza di una attività economica non dichiarata” e che era “valida ed idonea alle richieste dell’Ufficio al fine di esperie eventuali controlli e verifiche relativamente all’attività svolta dalla società”, accogliendo l’impugnazione ed annullando gli avvisi.

3. L’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione su tre motivi di doglianza nei confronti di G.L. ed il contribuente replica con separati controricorsi.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1.1. Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

1.2. Va preliminarmente rilevata d’ufficio la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, comma 1, poichè il giudizio non si è svolto nel litisconsorzio necessario fra la società e tutti i suoi soci.

1.3. Dall’esame degli atti e dei ricorsi risulta che il giudizio si è svolto separatamente nei confronti del socio G.L., mentre nulla è detto in relazione alla posizione della società e del socio di minoranza che risulta assente, senza che sia stata rispettata la regola del litisconsorzio necessario tra gli stessi, con conseguente nullità della pronuncia.

1.4. Osserva, al riguardo, la Corte che l’unitarietà dell’accertamento che è alla base della rettifica delle dichiarazioni dei redditi della società di persone e di quelle dei singoli soci – e la conseguente automatica imputazione dei redditi a ciascun socio, proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili ed a prescindere dalla percezione degli stessi (D.P.R. n. 917 del 1986, art. 5) – comporta, in linea di principio, la configurabilità di un litisconsorzio necessario tra tutti i soggetti (società e tutti i soci) ai quali il suddetto accertamento si riferisce.

1.5. Ed invero, qualora sia proposto ricorso tributario anche avverso un solo avviso di rettifica, da uno dei soci o dalla società, la controversia – salvo il caso in cui i soci prospettino questioni personali – non ha ad oggetto una singola posizione debitoria del o dei ricorrenti, bensì gli elementi comuni della fattispecie costitutiva dell’obbligazione dedotta nell’atto autoritativo impugnato. Per il che, il giudice investito dal ricorso proposto da uno (o da alcuni) soltanto dei soggetti interessati deve procedere all’integrazione del contraddittorio, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, pena la nullità assoluta del giudizio celebratosi senza la partecipazione di tutti i litisconsorti necessari, rilevabile anche d’ufficio in ogni stato e grado del procedimento (cfr. Cass. SS.UU. 14815/08, Cass. 2907/10, 5120/2016).

1.6. Tale principio trova applicazione anche nel caso in esame, vertente su un accertamento concernente il reddito da partecipazione societaria.

1.7. Deriva da quanto precede la nullità del giudizio (Cass. nn. 8825/07, 5063/10), di guisa che la sentenza impugnata deve essere cassata, restando in ciò travolta anche la sentenza di primo grado, con rimessione della controversia alla Commissione Tributaria Provinciale di Roma in composizione diversa, che provvederà alla decisione previa integrazione del contraddittorio ed alla liquidazione delle spese di lite, comprensive anche del presente grado di giudizio.

PQM

La Corte di Cassazione, pronunciando sui ricorsi;

– dichiara la nullità del giudizio per difetto di litisconsorzio necessario;

– cassa la sentenza impugnata;

– dispone la rimessione degli atti alla Commissione Tributaria Provinciale di Roma per la decisione, previa integrazione del contraddittorio, e per la liquidazione delle spese del giudizio, comprensive anche del presente grado.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 20 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 13 gennaio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA