Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7534 del 26/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 26/03/2020, (ud. 22/01/2020, dep. 26/03/2020), n.7534

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. STALLA Giacomo Maria – Presidente –

Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – Consigliere –

Dott. PEPE Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 12414/2013 proposto da:

M.M., rappresentato e difeso dall’avv. Massimo De Vincenzo ed

elettivamente domiciliato presso lo studio dell’avv. Fabio Di

Giovanni in Roma, Via A. Baiamonti n. 4;

– ricorrente –

Contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F.: (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato

(C.F.: (OMISSIS)), presso i cui uffici in Roma, Via dei Portoghesi

12, è domiciliata;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 161/38/12 della Commissione tributaria

Regionale Lombardia, sezione di Milano, depositata il 19/11/2012;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 22/01/2020

dal Consigliere Dott. Pepe Stefano;

Fatto

RITENUTO

che:

1. La Commissione tributaria regionale Lombardia, sezione di Milano, in riforma della sentenza di primo grado, dichiarava legittimi gli avvisi di accertamento con i quali l’Agenzia dell’Entrate, rettificando la dichiarazione di M.M., aveva individuato un maggior reddito IRPEF per gli anni 2004, 2005 e 2006.

2. La CTR, infatti, osservava: a) che la circostanza che un immobile del contribuente fosse adibito al 50% a studio professionale e l’altro 50% concesso in comodato gratuito alla sorella non convivente, non comportava l’esclusione dello stesso tra gli indici utilizzabili ai fini del redditometro, essendo all’uopo rilevante, D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 2, nel testo applicabile ratione temporis, la disponibilità del bene in capo al M.; b) che la documentazione prodotta – tra la quale utilizzo di un fido bancario, dismissioni di alcuni mezzi di trasporto e riscossione di premi assicurativi – non era idonea a provare una minore capacità contributiva; c) che non potevano considerarsi veritieri gli importi riportati nella denuncia alla voce “altre spese” da parte del contribuente.

3. Avverso tale sentenza M.M. proponeva ricorso per cassazione affidato a cinque motivi.

4. L’agenzia dell’Entrate depositava controricorso.

5. Con istanza di sospensione il contribuente comunicava di avere presentato, il 13 aprile 2017, dichiarazione di adesione alla definizione agevolata D.L. n. 193 del 2016, ex art. 6, conv. con modif. in L. n. 225 del 2016, con l’impegno a rinunciare ai giudizi pendenti aventi ad oggetto gli avvisi oggetto del presente giudizio.

6. Con memoria depositata in prossimità della camera di consiglio il contribuente chiedeva che, in ragione dell’avvenuto pagamento degli importi relativi ai suddetti avvisi, venisse dichiarata la cessata materia del contendere.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Ricorrono i presupposti previsti dal citato D.L. n. 193 del 2016, l’art. 6, essendo anche intervenuta la rinuncia all’odierno giudizio, per come riportata nella dichiarazione di adesione alla definizione agevolata prevista dalla norma indicata ritualmente sottoscritta dalla parte personalmente. Vi è, infine, riscontro del pagamento rateizzato degli importi necessari al condono nella misura liquidata dall’agente della riscossione.

In ragione di quanto sopra risulta manifesta la volontà del ricorrente alla rinuncia al ricorso (Cass. n. 29394 del 2017).

Deve essere dichiarata quindi l’estinzione del giudizio per rinuncia al ricorso. Consegue da tale pronuncia la compensazione delle spese processuali, in quanto la ratio dell’istituto esclude che si possa disporre ex art. 391 c.p.c., comma 2, la condanna alle spese anche per il caso di mancata adesione alla rinuncia ad opera delle altre parti processuali (Cass. n. 10198 del 2018).

Non trova applicazione il raddoppio del contributo unificato D.P.R, 115 del 2002, ex art. 13, comma 1-quater, misura la cui natura eccezionale perchè lato sensu sanzionatoria impedisce ogni estensione interpretativa oltre i casi tipici del rigetto, inammissibilità o improcedibilità dell’impugnazione (Cass. 23175 del 2015).

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio.

Spese compensate.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 22 gennaio 2020.

Depositato in cancelleria il 26 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA