Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7480 del 26/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 26/03/2018, (ud. 21/02/2018, dep.26/03/2018),  n. 7480

Fatto

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Con decreto n. 6006/2015 il Consigliere delegato della Corte di appello di Roma rigettava la domanda proposta da B.V. ai sensi della L. n. 89 del 2001, art. 3, (come sostituito dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 55, conv., con modif., nella L. 7 agosto 2012, n. 134) per l’ottenimento dell’equo indennizzo con riferimento alla dedotta durata irragionevole di un giudizio amministrativo dallo stesso intentato dinanzi al T.A.R. Campania con ricorso depositato il 1 agosto 2003 ai fini dell’annullamento di un ordine di demolizione, definito con sentenza di improcedibilità del 21 maggio 2014.

Decidendo sull’opposizione formulata avverso il suddetto decreto, la Corte di appello di Roma (in composizione collegiale), con decreto depositato il 1 febbraio 2016, la rigettava siccome infondata alla stregua della sopravvenuta declaratoria di improcedibilità dell’originario ricorso proposto per la successiva presentazione della domanda di condono edilizio e, quindi, per il venir meno dell’interesse del ricorrente ad una pronuncia sulla legittimità del provvedimento amministrativo impugnato, che aveva già perso la sua efficacia. Il B.V. proponeva ricorso per cassazione – in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5 – nei confronti del menzionato decreto, basato su un solo complesso motivo ricondotto alla violazione e falsa applicazione della L. n. 89 del 2001, artt. 2 e 3, in correlazione con l’art. 738 c.p.c., nonchè (I all’omesso esame circa il fatto decisivo per il giudizio che aveva costituito oggetto di discussione fra le parti riguardante la portata e l’efficacia della, sentenza del T.A.R. Campania nel giudizio presupposto ai fini del riconoscimento dell’equo indennizzo.

L’intimato Ministero dell’economia e delle finanze non ha svolto attività difensiva in questa fase.

Rileva, in via pregiudiziale, il collegio che il ricorso deve essere dichiarato inammissibile perchè manca agli atti la prova della rituale notificazione del ricorso stesso all’intimato Ministero (che non risulta essersi costituito), dal momento, pur emergendo l’allegazione della ricevuta di spedizione del ricorso a mezzo posta, non è stata prodotta entro il termine ultimo possibile la necessaria cartolina di ricevimento da parte del suddetto Ministero (che, non avendo formalizzato alcuna costituzione, non ha determinato alcun effetto sanante).

Infatti, la produzione dell’avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso per cassazione spedita per la notificazione a mezzo del servizio postale ai sensi dell’art. 149 c.p.c., è richiesta dalla legge esclusivamente in funzione della prova dell’avvenuto perfezionamento del procedimento notificatorio e, dunque, dell’avvenuta instaurazione del contraddittorio, con la conseguenza – secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte (a partire da Cass. Sez. U. n. 627/2008, seguita da numerose altre, tra cui Cass. n. 9453/2011 e Cass. n. 14780/2014) – che, in caso di mancata produzione dell’avviso di ricevimento nel termine utile massimo possibile (stabilito, da ultimo, con il punto 2) del protocollo d’intesa tra la Corte di cassazione, il CNF e l’Avvocatura generale dello Stato sull’applicazione del nuovo rito civile del 15 dicembre 2016 con il termine previsto per il deposito delle memorie e, comunque, non oltre l’orario fissato per l’inizio della relativa adunanza camerale) ed in assenza di attività difensiva da parte dell’intimato, il ricorso per cassazione è da dichiararsi inammissibile (con effetto istantaneo ed irretrattabile), non essendo consentita la concessione di un termine per il deposito e non ricorrendo i presupposti per la rinnovazione della notificazione ai sensi dell’art. 291 c.p.c., (salva l’ipotesi eccezionale dell’eventuale rimessione in termini, che non ricorre, nè è stata invocata, nel giudizio in questione).

In definitiva, per l’assorbente motivo pregiudiziale appena evidenziato, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, senza alcuna statuizione sulle spese della presente fase di legittimità.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 21 febbraio 2018.

Depositato in Cancelleria il 26 marzo 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA