Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7474 del 19/03/2020

Cassazione civile sez. lav., 19/03/2020, (ud. 27/11/2019, dep. 19/03/2020), n.7474

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – rel. Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Eduardo – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 175-2016 proposto da:

M.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA MOROSINI

12, presso lo studio dell’avvocato LUCA MACRI’, rappresentato e

difeso dall’avvocato FRANCESCO STARA;

– ricorrente –

contro

A.R.S.T. S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PAOLA FALCONIERI 100, presso

lo studio dell’avvocato PAOLA FIECCHI, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIUSEPPE MACCIOTTA;

– controricorrente –

avverso la di CAGLIARI sentenza n., depositata533/2014 della CORTE

D’APPELLO il 09/02/2015, R.G.N. 503/2013.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

CHE:

1. il Tribunale di Oristano aveva dichiarato il diritto di M.G. all’inquadramento nel profilo di “operatore qualificato”, parametro 140, dal mese di luglio 2000 e nel parametro 160 dal mese di luglio 2006, condannando la società ARST s.p.a. al pagamento, in favore del predetto, delle differenze retributive maturate a partire dal mese di maggio 2003, nei limiti della prescrizione;

2. la Corte d’appello di Cagliari, con sentenza del 9.2.2015, accoglieva l’appello della società per quanto di ragione ed, in parziale riforma della sentenza impugnata, confermata nel resto, escludeva il diritto del M. all’inquadramento nel parametro 140-160;

3. la Corte rilevava che il Tribunale aveva omesso la verifica della sussistenza dei presupposti richiesti al R.D. n. 148 del 1931, art. 18, dell’Allegato A, in particolare dell’assegnazione espressa da parte del Direttore dell’azienda sia pure sotto forma di ordini di servizio ed anche se non riportanti l’indicazione del livello di inquadramento da ricoprire, osservando che, tuttavia, la sentenza meritava conferma quanto alla condanna al pagamento delle differenze retributive in quanto il M. non aveva espletato mansioni di semplice operatore generico, ma mansioni caratterizzate dalla conduzione di macchinari complessi, come confermato dai testi escussi;

4. di tale decisione domanda la cassazione il M., affidando l’impugnazione a di unico motivo, resistito dalla società, ARST s.p.a..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

CHE:

1. va, in primo luogo, esaminata la questione pregiudiziale sollevata dalla controricorrente relativa all’inammissibilità del ricorso per insussistenza di una valida procura. Si assume che la procura per il ricorso per cassazione, che va rilasciata in data successiva alla sentenza impugnata, risulta essere stata conferita per l’impugnazione di tutt’altra sentenza e precisamente della n. 42/2013 depositata il 6.3.2013 dalla Corte d’appello di Cagliari, sezione distaccata di Sassari, e che da ciò doveva desumersi, se non la mancanza di riferibilità dei poteri di rappresentanza (conferiti in relazione a sentenza diversa da quella oggetto del giudizio), sicuramente l’avvenuto conferimento del mandato in data antecedente al deposito

della sentenza impugnata. Si sostiene che, non contenendo la procura alle liti il riferimento ad alcuna data, la stessa debba ritenersi conferita quanto meno in pari data della sentenza indicata nella procura stessa (6 marzo 2013) e quindi in data anteriore alla sentenza impugnata che reca la data del 17.12.2014 e di pubblicazione il 9.2.2015;

2. ai fini dell’ammissibilità del ricorso per cassazione, sotto il profilo della sussistenza della procura speciale al difensore iscritto nell’apposito albo, richiesta dall’art. 365 c.p.c., è essenziale, da un lato, che la procura sia rilasciata in epoca anteriore alla notificazione del ricorso e, dall’altro, che essa investa il difensore espressamente del potere di proporre ricorso per cassazione contro una sentenza determinata e pronunciata necessariamente in epoca antecedente al rilascio della procura speciale (cfr. Cass. 7084 del 28/03/2006: la Corte ha, nella specie, conseguentemente dichiarato inammissibile il ricorso proposto da difensore in possesso di una procura generale, priva di qualsiasi carattere di specialità e rilasciata in data antecedente all’emanazione della sentenza impugnata);

3. nello stesso solco si pone Cass. 21.11.2017 n. 27540, specificamente incentrata sulla necessaria anteriorità del rilascio della procura speciale rispetto alla sentenza da impugnare: si afferma che “è sin troppo noto che la procura per proporre ricorso per cassazione deve essere speciale e non può essere rilasciata in via preventiva, dal momento che il requisito della specialità della procura implica l’esigenza che questa riguardi espressamente il giudizio di legittimità sulla base di una valutazione della sentenza impugnata. Ne consegue che la procura non può considerarsi speciale se rilasciata in data precedente a quella della sentenza da impugnare, sicchè è inammissibile un ricorso sottoscritto da difensore che si dichiari legittimato da procura a margine dell’atto di citazione di primo grado” (ex plurimis, nello stesso senso, Sez. 3, Sentenza n. 2125 del 31/01/2006);

4. analogo principio risulta espresso da Cass. 24.7.2017 n. 18257 e da Cass. 5.11.2018 n. 28146, che valorizzano in termini di inammissibilità della procura speciale la presenza nella stessa di espressioni incompatibili con la specialità richiesta e dirette piuttosto ad attività proprie di altri giudizi;

5. è pacifico insegnamento giurisprudenziale di legittimità anche quello alla cui stregua, in tema di procura alle liti, apposta in calce o a margine del ricorso per cassazione, il mandato forma materialmente corpo con il ricorso, essendo la posizione topografica della procura idonea – salvo che dal suo testo si ricavi il contrario – a dar luogo alla presunzione di riferibilità al giudizio cui l’atto accede (cfr., in tali termini, Cass. 23.7.2019 n. 19923, con riferimento al mancato superamento della presunzione, con riguardo ad un ipotesi di omesso riferimento a tutti gli intimati, ritenuto incapace di determinare violazione del requisito della specialità, con certezza deducibile in base all’interpretazione letterale, teleologica e sistematica dell’art. 83 c.p.c.);

6. è, poi, stato ritenuto che la procura per il ricorso per cassazione è validamente conferita, soddisfacendo il requisito di specialità di cui all’art. 365 c.p.c., anche se apposta su di un foglio separato, purchè materialmente unito al ricorso e benchè non contenente alcun riferimento alla sentenza impugnata o al giudizio da promuovere, in quanto, ai sensi dell’art. 83 c.p.c. (come novellato dalla L. 27 maggio 1997, n. 141), si può ritenere che l’apposizione topografica della procura sia idonea – salvo diverso tenore del suo testo – a fornire certezza della provenienza dalla parte del potere di rappresentanza e a far presumere la riferibilità della procura medesima al giudizio cui l’atto accede, che la mancanza di data non produca nullità della predetta procura, dovendo essere apprezzata con riguardo al foglio che la contiene alla stregua di qualsiasi procura apposta in calce al ricorso, per cui la posteriorità del rilascio della procura rispetto alla sentenza impugnata si desume dall’intima connessione con il ricorso cui accede e nel quale la sentenza è menzionata, mentre l’anteriorità rispetto alla notifica risulta dal contenuto della copia notificata del ricorso (cfr. in tali termini, Cass. 29785 del 19/12/2008, cui è conforme Cass. 5.11.2012 n. 18915);

7. da ultimo, Cass. 8.10.2019 n. 25038 ha affermato il principio secondo cui “il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, quando manca la procura speciale alle liti idonea a dimostrare la anteriorità della procura rispetto alla proposizione del ricorso, o comunque mancano altri elementi – equipollenti – idonei a dimostrare in modo certo l’anteriorità del conferimento della procura rispetto alla notificazione del ricorso” (v., in tali termini, Cass. 25038/19 cit., con richiamo a Sez. U, sentenza n. 6334 del 5.7.1994; Cass. 16.8.2000 n. 10821; Cass. 11.6.2019 n. 15662);

8. dalla esposta rassegna della giurisprudenza di questa Corte emerge, dunque, al di là della possibile collocazione topografica della procura speciale, l’imprescindibilità della coerenza della procura speciale conferita con la sentenza oggetto di impugnazione, ciò che non è dato affermare ove, come nella specie, la procura risulta essere stata conferita al difensore, avv. Francesco Stara, a margine del ricorso, per l’impugnazione della sentenza n. 42 del 02013, tif depositata il 6 marzo 2013 dalla Corte d’appello di Cagliari – sezione distaccata di Sassari -, in contrasto con quanto rilevabile dall’epigrafe del ricorso, laddove risulta, invece, quale oggetto di impugnazione la sentenza n. 533/2014, emessa il 17 dicembre 2014 e depositata il 9 febbraio 2015 dalla Corte d’appello di Cagliari, sezione lavoro;

9. è evidente non solo la diversità dell’organo giudicante, quanto la diversità delle sentenze indicate e la conseguente impossibilità di ritenere che la procura speciale conferita per l’impugnazione di sentenza d’appello del marzo 2013 sia stata conferita successivamente alla sentenza del 9.2.2015, oggetto del presente ricorso per cassazione;

10. deve, pertanto, dichiararsi l’inammissibilità del ricorso del M., per inidoneità della procura speciale conferita al difensore;

11. va, peraltro, rilevato ulteriore profilo di inammissibilità del ricorso, discendente dal contenuto del motivo di impugnazione;

12. con quest’ultimo si censura, in relazione ai richiesti requisiti di cui al R.D. n. 148 del 1931, art. 18, l’omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, osservandosi che per la vacanza del posto poteva essere valorizzata la prolungata copertura del posto da parte del M., confermata dai testi escussi. Quanto all’ulteriore requisito dell’ordine scritto del direttore o di un suo delegato, si afferma che lo stesso poteva essere ritenuto sussistente anche sulla base di provvedimento del Direttore che aveva destinato il M. al cantiere meccanizzato inviandolo preventivamente a frequentare un corso di formazione per l’uso dei macchinari presenti in cantiere, ovvero su base presuntiva attraverso le testimonianze rese, che avrebbero consentito di ritenere provate circostanze sottese ad un provvedimento all’uopo emesso, ovvero attraverso altri fatti (quali reiterati ordini di svolgere il proprio lavoro in altri cantieri ferroviari presenti in altre direzioni d’esercizio quali quelle di Sassari e Cagliari);

13. come sopra evidenziato, deve affermarsi la mancanza di ogni specificità del motivo e, comunque, l’inconfigurabilità della denunciata omissione di esame di fatto storico, in assenza del requisito della decisività, per la evidente pluralità di fatti censurati (di palese negazione ex se del requisito di decisività: Cass. 5 luglio 2016, n. 13676; Cass. 28 maggio 2018, n. 13625), al di fuori del paradigma devolutivo e deduttivo del novellato art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (Cass. s.u. 7 aprile 2014, n. 8053; Cass. 10 febbraio 2015, n. 2498; Cass. 26 giugno 2015, n. 13189; Cass. 21 ottobre 2015, n. 21439): la doglianza denota, piuttosto, il carattere di una (inammissibile) contestazione della valutazione probatoria della Corte di merito (cfr. Cass. 13568/2018);

14. deve, invero, ribadirsi quanto già più volte, e ancora di recente, precisato da questa Corte (cfr. Cass. n. 9253/2017, nel solco di Sez. U n. 8053/2014), con riferimento agli oneri di deduzione del motivo secondo il modello del “nuovo” art. 360, n. 5, e cioè che il ricorrente è tenuto a indicare non soltanto il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, ma anche il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”: oneri, questi ultimi, da ritenersi non assolti dalla società ricorrente, non essendo sufficiente, nè idonea, ai fini in esame – in difetto di trascrizione o riproduzione delle parti rilevanti dell’atto – la mera asserzione (cfr. ricorso, pp. 67 e 77) di avere indicato le circostanze omesse nel ricorso in appello e, d’altra parte, difettando la dimostrazione del carattere decisivo delle medesime circostanze, carattere che non si esaurisce nella dimensione della semplice “rilevanza” probatoria ma deve attingere alla capacità di determinare un esito difforme del giudizio;

15. è, poi, del tutto omesso ogni riferimento puntuale ad asseriti ulteriori ordini impartiti reiteratamente al lavoratore di svolgere il proprio lavoro in altri cantieri, provenienti da soggetti idoneamente delegati dal soggetto legittimato, con i quali si ritiene di superare la mancanza del requisito dell’ordine scritto;

16. conclusivamente, deve pervenirsi alla declaratoria di inammissibilità del ricorso;

17. le spese del presente giudizio seguono la soccombenza del ricorrente e sono liquidate in dispositivo;

18. sussistono le condizioni di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 200,00 per esborsi, Euro 3000,00 per compensi professionali, oltre accessori di legge, nonchè al rimborso delle spese forfetarie nella misura del 15%.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma del citato D.P.R., art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza Camerale, il 27 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA