Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7367 del 22/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 22/03/2017, (ud. 09/02/2017, dep.22/03/2017),  n. 7367

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10972/2016 proposto da:

R.L., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato TERESA

MATACERA;

– ricorrente –

contro

Z.G., Z.M., P.F., C.G.,

C.E.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1229/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 05/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 09/02/2017 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

la Corte di Appello di Catanzaro ha rigettato la domanda proposta dal R. per il risarcimento dei danni subiti a causa di infiltrazioni nell’immobile da lui condotto in locazione, che si erano verificate in occasione dei lavori di rifacimento del tetto: la Corte ha accertato la responsabilità per le infiltrazioni a carico dell’impresa esecutrice, ma ha ritenuto che l’attore non avesse fornito adeguata prova dei danni lamentati;

ricorre per cassazione il R. affidandosi a due motivi.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il primo motivo (“violazione ed errata applicazione delle norme di diritto”) è inammissibile per difetto di specificità, non risultando indicate nè le norme violate nè le erronee affermazioni in iure;

il secondo motivo è parimenti inammissibile poichè prospetta un vizio motivazionale ai sensi del vecchio testo dell’art. 360 c.p.c., n. 5 (non più applicabile ratione temporis) ed è volto a sollecitare un non consentito diverso apprezzamento delle risultanze istruttorie;

il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile, senza pronuncia sulle spese (in difetto di attività difensiva da parte degli intimati);

non ricorrono le condizioni per applicare il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, in quanto il R. risulta ammesso al patrocinio a spese dello Stato (cfr. Cass. n. 18523/2014).

PQM

la Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso. Nulla per spese.

Così deciso in Roma, il 9 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 22 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA