Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7345 del 17/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 17/03/2020, (ud. 02/10/2019, dep. 17/03/2020), n.7345

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. D’AURIA Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24443/16 proposto da:

D.D.A., nella sua qualità di ex socia della Soc. Europ

Mangimi s.r.l., cancellata dal Registro delle imprese in data 28

dicembre 2011, rappresentata e difesa in forza di procura speciale

rilasciata in calce al ricorso dall’Avv. Massimo Bali ed

elettivamente domiciliata in Roma presso la Cancelleria dello Corte

di Cassazione;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro-tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

i cui uffici domicilia in Roma alla Via dei Portoghesi n. 12.

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 6/2016/Sez. I, della Commissione tributaria

regionale della Valle d’Aosta, depositata il 4 marzo 2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 2

ottobre 2019 dal Consigliere Dott. Grasso Gianluca.

Fatto

Ritenuto

che:

– D.D.A. ha impugnato l’intimazione di pagamento n. (OMISSIS), dell’importo di Euro 23.859,41, a lei notificato dall’Agenzia delle entrate, Direzione regionale per la Valle d’Aosta, in qualità di ex socia ed ex legale rappresentante e liquidatore della Europ Mangimi s.r.l., per irregolarità fiscali commesse dalla società nell’anno 2007;

– l’intimazione trae origine dall’avviso di accertamento n. (OMISSIS), relativo all’anno d’imposta 2007, notificato alla D.D., socia di maggioranza e legale rappresentante/liquidatrice della società Europ Mangimi s.r.l. in liquidazione, portante una maggiore Ires dovuta pari ad Euro 12.984,00, una maggiore Irap pari ad Euro 1.674,00 e una maggiore Iva pari ad Euro 7.883,00, oltre interessi e sanzioni come per legge. Dopo avere inutilmente proposto una istanza di accertamento con adesione e una istanza di autotutela, la contribuente ha proposto ricorso avverso l’avviso di accertamento n. (OMISSIS). La Commissione tributaria provinciale di Aosta, con sentenza n. 20/02/13 depositata il 30 settembre 2013, ha dichiarato inammissibile l’impugnazione e la Commissione tributaria regionale ha confermato la decisione, dichiarando inammissibile l’appello con sentenza 9/01/2015 depositata l’11 maggio 2015 e passata in giudicato. L’Agenzia delle entrate, in esito alla pronuncia di primo grado, ha notificato l’intimazione di pagamento n. (OMISSIS) relativa alle somme dovute in esecuzione della sentenza favorevole riguardante il ricorso avverso l’avviso di accertamento n. (OMISSIS);

– la Commissione tributaria provinciale di Aosta, con sentenza 65/02/14, depositata il 19 novembre 2014, ha accolto il ricorso;

– la Commissione tributaria regionale della Valle d’Aosta ha accolto l’appello, ritenendo che il ricorso introduttivo di primo grado fosse inammissibile, non riguardando vizi propri dell’intimazione di pagamento;

– la contribuente ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi;

– resiste l’Agenzia delle entrate con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con il primo motivo di ricorso si contesta la violazione e falsa applicazione di norme di diritto ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, con riferimento al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 19. Parte ricorrente contesta la decisione della Commissione tributaria regionale di Aosta che ha riformato la sentenza di primo grado, emessa dalla Commissione tributaria provinciale di Aosta, dichiarando inammissibile il ricorso di primo grado sul presupposto che le doglianze non riguardassero vizi propri dell’intimazione di pagamento. Al contrario, si evidenzia che i motivi di ricorso riguardavano proprio quest’ultima, essendosi prospettata la mancanza di un autonomo avviso di accertamento nei confronti della ricorrente in qualità di ex socio, in quanto soggetto giuridico distinto alla Europ Mangimi S.r.l., mentre l’intimazione era stata notificata alla D.D. nella sua qualità di socio. Sotto altro profilo la D.D. è stata invitata a pagare l’intera somma dovuta (Euro 23.859,41), senza tenere conto della circostanza che i soci di una società a responsabilità limitata estinta devono rispondere delle obbligazioni societarie solo fino a concorrenza delle somme da questi riscosse, eventualmente risultanti dal bilancio finale di liquidazione e dal piano di riparto. La pronuncia dovrebbe quindi essere annullata con rinvio alla Commissione tributaria regionale affinchè si esprima sui motivi di ricorso;

– il motivo è infondato;

– l’intimazione di pagamento n. (OMISSIS), oggetto dell’odierna impugnazione, è stata preceduta dall’emissione e dalla notifica dell’avviso di accertamento n. (OMISSIS), avverso il quale la stessa ricorrente aveva provveduto a proporre ricorso, dichiarato inammissibile in primo grado dalla Commissione tributaria provinciale, decisione successivamente confermata da parte della Commissione tributaria regionale di Aosta, con sentenza 9/01/2015 depositata l’11 maggio 2015 e passata in giudicato. Non era pertanto necessaria un’altra emissione di avviso nei confronti della ex socia;

– con il secondo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa UL

applicazione di norme di diritto ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, con riferimento all’art. 2495 c.c.. In via alternativa, la ricorrente ritiene che la causa possa essere decisa, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto. Si deduce, al riguardo, che non sarebbe stato possibile intimare il pagamento dei soci senza precisare che l’obbligo sussisteva solo nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione, mentre nel caso di specie era pacifico che i soci in sede di liquidazione non avessero percepito nulla. Vengono richiamate, inoltre, le ragioni in base alle quali i motivi di appello dell’Agenzia delle entrate dovrebbero essere respinti, non avendo l’amministrazione contestato il bilancio finale di liquidazione e l’assenza di qualsiasi utile tre soci;

– il motivo è inammissibile;

– non risultano motivi ulteriori rispetto a quanto precedentemente dedotto nel ricorso avverso l’avviso di ccertamento n. (OMISSIS). La ricorrente aveva parimenti dedotto l’intervenuta estinzione della società e l’inesistenza di riparto di utili tra i soci, come risultante dal bilancio finale di liquidazione, per cui risulta che le doglianze proposte in questa sede nei riguardi della intimazione di pagamento sono le medesime dell’avviso di accertamento in precedenza notificato alla D.D., socio di maggioranza e legale rappresentante/liquidatrice della Europ Mangimi S.r.l., la cui impugnazione è stata dichiarata inammissibile per tardività del ricorso;

– il ricorso deve essere respinto;

– le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo;

– sussistono le condizioni per dare atto della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte della ricorrente, dell’importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; condanna parte ricorrente al pagamento di Euro 2.300,00 per onorari oltre alle spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Quinta Sezione civile, il 2 ottobre 2019.

Depositato in cancelleria il 17 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA