Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7253 del 30/03/2011

Cassazione civile sez. III, 30/03/2011, (ud. 17/02/2011, dep. 30/03/2011), n.7253

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 4250/2009 proposto da:

AUTOTRASPORTI COCULLA SILVANO & C SNC (OMISSIS), in persona del

leg. rapp.te C.G., elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA GIOVANNI BETTOLO 4, presso lo studio dell’avvocato BROCHIERO

MAGRONE Fabrizio, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato BELFATTO GABRIELE, giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CENTRO LEASING SPA (OMISSIS), (già Centro Leasing S.p.A.) in

persona del suo Procuratore Dott. C.R.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE MARESCIALLO PILSUDSKI 118,

presso lo studio dell’avvocato STANIZZI Antonio, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato PASSALACQUA UGO giusta procura in

calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 301/2008 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

Sezione Seconda Civile, emessa il 07/02/2008, depositata il

21/02/2008; R.G.N. 3066/2003;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

17/02/2011 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato FABRIZIO BROCHIERO MAGRONE;

udito l’Avvocato ANTONIO STANIZZI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Centro Leasing spa notificò alla Autotrasporti Coculla snc decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo d’intimazione alla riconsegna di un veicolo concesso all’ingiunta in leasing. Tornata in possesso del mezzo lo rivendette immediatamente. Con sentenza passata in giudicato il Tribunale di Firenze accolse l’opposizione a D.I. dell’Autotrasporti Coculla e revocò il decreto ingiuntivo, accertando che nessun inadempimento era a questa addebitabile.

A questo punto l’Autotrasporti chiese alla controparte il ripristino del contratto di leasing e la riconsegna del mezzo che ne era stato oggetto. A fronte della mancata adesione, la stessa citò in giudizio la Centro Leasing per la risoluzione del contratto (imputabile alla convenuta) e la restituzione delle somme corrisposte a titolo di canoni, oltre il risarcimento del danno conseguente al mancato utilizzo dell’automezzo.

Il Tribunale di Firenze dichiarò risolto il contratto per inadempimento di ciascuna delle parti e respinse le altre domande dell’attrice. Parzialmente riformando la sentenza, il Tribunale di Firenze imputò l’inadempimento alla sola Centro Leasing e la condannò a pagare alla controparte la somma di Euro 1275,13. In particolare, il giudice d’appello ha tenuto conto del prezzo d’acquisto dell’automezzo (L. 166.600.000), dell’importo delle rate corrisposte dall’utilizzatrice (L. 100.549.000) e del prezzo ricavato dalla vendita del veicolo (L. 68.520.000), per dedurre che alla Autotrasporti spettava la differenza (L. 2.469.000 = Euro 1275,13).

Propone ricorso per cassazione l’Autotrasporti Coculla snc a mezzo di due motivi. Resiste con controricorso la Centro Leasing Banca spa (già Centro Leasing spa).

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Nel primo motivo la ricorrente, nel censurare la violazione della disposizione di cui all’art. 1526 c.c., sostiene che nella specie non sarebbe riconoscibile l’equo compenso alla concedente, siccome il contratto è stato dichiarato risolto per inadempimento di questa, mentre la sentenza ragionerebbe come se l’inadempimento fosse stato attribuito all’utilizzatrice.

Nel secondo motivo la ricorrente sostiene che il giudice avrebbe riconosciuto il diritto all’equo indennizzo in favore della controparte, benchè questa non abbia mai formulato espressa domanda a riguardo; inoltre, contesta il metodo attraverso il quale la sentenza è pervenuta alla determinazione delle somme spettanti a ciascuna delle parti.

I motivi, che possono essere congiuntamente esaminati, sono infondati.

La sentenza esordisce con l’affermazione: “Premettesi inoltre che l’applicabilità dell’art. 1526 c.c., non è stata censurata”, intendendosi in tal modo affermare l’esistenza del giudicato in ordine al diritto all’equo compenso da parte della concedente, visto che il primo giudice, nell’affermare l’inadempimento di ambedue le parti nonchè la natura traslativa del leasing, aveva ritenuto applicabile la disposizione in questione. L’affermazione non è neppure censurata dalla ricorrente, la quale nel proprio argomentare entra direttamente nel merito della questione, ponendo il quesito se, in ipotesi di inadempimento della concedente, l’utilizzatrice abbia diritto o meno alla totale retrocessione delle somme pagate; laddove, invece, il giudice, ritenendo ormai indiscutibile il diritto all’equo compenso, lo ha rapportato alla quasi totalità dei canoni pagati, a fronte del lungo tempo d’utilizzazione del mezzo.

Quanto premesso determina l’inammissibilità dei motivi, visto che l’esistenza o meno della domanda d’equo indennizzo costituisce in questa sede questione affatto nuova.

Circa, infine, la quantificazione dell’equo compenso, essa coinvolge una questione di merito, in ordine alla quale il giudice ha motivato congruamente e logicamente, con conseguente incensurabilità in cassazione.

Il ricorso deve essere, dunque, respinto, con condanna del ricorrente a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 3.200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 17 febbraio 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA