Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7228 del 30/03/2011

Cassazione civile sez. III, 30/03/2011, (ud. 12/10/2010, dep. 30/03/2011), n.7228

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

Dott. LEVI Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 18031/2006 proposto da:

B.R. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’Avvocato BUONANNO Roberto con studio in 80078 POZZUOLI,

VIA CELLE 2, difensore di sè medesimo;

– ricorrente –

contro

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI NAPOLI, SANPAOLO BANCO DI NAPOLI

S.P.A.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 12264/2005 del TRIBUNALE di NAPOLI, Sezione

Quinta bis, depositata il 23/12/2005, R.G.N. 11422/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

12/10/2010 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l’Avvocato ROBERTO BUONANNO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio, che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

B.R. propose opposizione agli atti esecutivi avverso l’ordinanza resa nella procedura promossa in danno della Amministrazione provinciale di Napoli e nei confronti del terzo Banconapoli s.p.a., con la quale il giudice dell’esecuzione aveva dichiarato la nullità del pignoramento e l’improcedibilità dell’esecuzione medesima.

L’opposizione fu accolta, avendo l’adito tribunale ritenuto che il G.E., pur rilevata in ipotesi la impignorabilità del credito emerso dalla dichiarazione di terzo, non avrebbe potuto, in presenza di una richiesta di accertamento del maggior obbligo del detto terzo, estinguere il procedimento prima della istruzione e decisione del giudizio sulla contestazione ex art. 548 c.p.c., e della compiuta individuazione del credito pignorato.

Il B. ricorre per la cassazione di tale pronuncia lamentando, con il primo motivo, un “palese travisamento degli atti e dei fatti” da parte del tribunale, e, con il secondo e terzo, il mancato esame di motivi di opposizione diversi da quello considerato dal giudice di merito.

Il ricorso – al di là dei suoi non marginali aspetti di inammissibilità tanto sotto il profilo del lamentato travisamento dei fatti, che avrebbe dovuto indurre il ricorrente all’esperimento di altro e diverso mezzo di gravame, quanto sotto quello della formulazione di quesiti multipli per ciascun motivo di ricorso – è, nel merito, palesemente inammissibile per carenza di interesse ad agire, avendo questa Corte regolatrice già avuto modo di stabilire, in fattispecie analoga (Cass. 15355/010), che l’interesse ad agire richiede non solo l’accertamento di una situazione giuridica, ma anche che la parte prospetti l’esigenza di ottenere un risultato utile giuridicamente apprezzabile e non conseguibile senza l’intervento del giudice, poichè il processo non può essere utilizzato solo in previsione di possibili effetti futuri pregiudizievoli per la parte, senza che sia precisato il risultato utile e concreto che essa intenda in tal modo conseguire. (Nella analoga fattispecie oggetto del citato decisum, è stato dichiarato inammissibile il ricorso per cassazione avverso la sentenza con cui il tribunale, accogliendo l’opposizione agli atti esecutivi proposta dal ricorrente, aveva annullato un’ordinanza del giudice dell’esecuzione con cui era stata dichiarata la nullità del pignoramento per impignorabilità del credito sottoposto ad espropriazione, astenendosi dallo statuire in ordine alla domanda di accertamento dell’obbligo del terzo debitore, proposta in via subordinata dal creditore precedente).

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 12 ottobre 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA