Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7151 del 15/03/2021

Cassazione civile sez. trib., 15/03/2021, (ud. 13/12/2019, dep. 15/03/2021), n.7151

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

Dott. D’AURIA Giusep – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6397-2012 proposto da:

M.R., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA DEI

MARTIRI DI BELFIORE 2, presso lo studio dell’avvocato ANGELO

STEFANORI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GUGLIELMO CASTALDO;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA CENTRO SPA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CAVALIER

D’ARPINO 8, presso lo studio dell’avvocato ENRICO FRONTICELLI

BALDELLI, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI PERUGIA in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– resistente con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 205/2011 della COMM.TRIB.REG. di PERUGIA,

depositata il 16/12/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/12/2019 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE D’AURIA.

 

Fatto

RILEVATO

che con sentenza nr 205/03/2011 la commissione Regionale dell’Umbria, respingeva l’appello proposto dal contribuente; che il contribuente proponeva ricorso in Cassazione;

che si costituiva con controricorso la Equitalia Umbria, e l’Agenzia delle Entrate;

che la parte ricorrente dava atto di aver rinunciato alla lite ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6, comma 2;

che l’Agenzia delle Entrate Riscossione (già Equitalia Centro) aderiva a quanto indicato dal ricorrente;

che pertanto va dichiarato improcedibile il ricorso proposto per intervenuta rinuncia ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6, comma 2 ritenuto che le spese del giudizio di legittimità possono essere compensate tra le parti, trattandosi di causa estintiva della lite determinata dall’adesione alla definizione agevolata di cui al D.L. n. 193 del 2016 e che non sussistono i presupposti per imporre alla ricorrente il pagamento del c.d. “doppio contributo”, posto che la causa di inammissibilità del ricorso è sopravvenuta (cfr. Sez. 6 – Ordinanza n. 23175 del 12/11/2015, Rv. 637676.

P.Q.M.

La Corte dichiara improcedibile il ricorso per intervenuta rinuncia. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 13 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 15 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA