Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7145 del 24/03/2010

Cassazione civile sez. I, 24/03/2010, (ud. 19/11/2009, dep. 24/03/2010), n.7145

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Z.E. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliata in ROMA, PIAZZA SAN GIOVANNI IN LATERANO 60, presso

l’avvocato ZELLI MARCO, rappresentata e difesa dall’avvocato DI

PASQUALE CORRADO, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

B.R. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA MASSAROSA 3, presso l’avvocato AMICI GIANCARLO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato TOLOMEI VIERI, giusta

procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 876/2005 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 24/05/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/11/2009 dal Consigliere Dott. MARIA CRISTINA GIANCOLA;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato CORRADO DI PASQUALE che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito, per il controricorrente, l’Avvocato GIANCARLO AMICI che ha

chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 895 del 23.12.2003 – 7.05.2004, il Tribunale di Padova disponeva lo scioglimento del matrimonio contratto il (OMISSIS), da B.R., ricorrente, ed Z.E., alla quale attribuiva l’assegno di mantenimento di entità pari ad Euro 2.800,00 mensili, aggiornabili, corrispondente a quella dell’assegno convenuto dalle parti all’atto della loro separazione consensuale del (OMISSIS), omologata il (OMISSIS).

Con sentenza del 18.04-25.05.2005, la Corte di appello di Venezia, in parziale accoglimento del gravame principale del B., riduceva detto assegno (non già, come richiesto dall’appellante, ad Euro 1.032,91 mensili ma) ad Euro 1.800,00 mensili, respingendo l’appello incidentale della Z., volto all’aumento di esso ad Euro 2.900,00, e compensando le spese processuali dei due gradi di merito.

La Corte osservava e riteneva tra l’altro:

che la documentazione prodotta dalla Z. e l’emerso elevato tenore di vita fruito dal B. e dal suo nuovo nucleo affettivo, composto dalla compagna, che collaborava nella sua attività imprenditoriale, e da altri due figli minori oltre al primo, già nato all’epoca della separazione consensuale dalla moglie, smentivano la contrazione della pregressa potenzialità produttiva delle società del gruppo facente capo all’appellante, il quale anzi aveva notevolmente incrementato il suo patrimonio personale che sebbene il B. non si trovasse nell’impossibilità di contribuire al mantenimento della Z. nella misura già consensualmente prevista per il passato, tuttavia la finalità meramente assistenziale dell’assegno divorzile non imponeva all’onerato di garantire, se non tendenzialmente, il tenore di vita analogo a quello goduto dal beneficiario in costanza di matrimonio che appariva congruo e rispondente ai maggiori oneri di mantenimento della nuova famiglia ed alla situazione reddituale del B. (pur ottima ma esposta ai rischi ed alle oscillazioni del mercato correlati all’attività d’impresa), rideterminare l’assegno in questione nella minore somma di Euro 1.800,00 mensili, importo senz’altro idoneo a garantire alla Z. un’esistenza più che agiata, ove raffrontato con gli emolumenti di un qualsiasi lavoratore dipendente.

Avverso questa sentenza la Z. ha proposto ricorso per cassazione notificato il 10-07-2006, affidato a due motivi. Il B. ha resistito con controricorso notificato il 29.09.2006.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

A sostegno del ricorso la Z., premesso anche il richiamo delle contribuzioni convenute all’atto della separazione personale omologata, deduce:

1. “Violazione e falsa applicazione di norme di diritto” ossia della L. n. 898 del 1978, art. 5, n. 6 (pag. 8 del ricorso) eccezione di inammissibilità ex 360 c.p.c., comma 1, n. 3 e art. 366 c.p.c., comma 1, n. 4.

2. “Omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia prospettato dalle parti”.

Con entrambi i motivi, che essendo strettamente connessi consentono esame unitario e che si rivelano fondati, la ricorrente ritualmente censura, anche per vizi motivazionali, la riduzione dell’assegno divorzile, disposta dalla Corte distrettuale. In base alla L. 1 dicembre 1970, n. 898, art. 5 come modificato dalla L. 6 marzo 1987, n. 74, art. 10 l’accertamento del diritto all’assegno di divorzio si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice è chiamato a verificare l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi o all’impossibilità di procurarseli per ragioni oggetti ve, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, o che poteva legittimamente fondarsi su aspettative maturate nel corso del matrimonio, fissate al momento del divorzio, e quindi procedere ad una determinazione quantitativa delle somme sufficienti a superare l’inadeguatezza di detti mezzi, che costituiscono il tetto massimo della misura dell’assegno. Nella seconda fase, il giudice deve poi procedere alla determinazione in concreto dell’assegno in base alla valutazione ponderata e bilaterale dei criteri indicati nello stesso art. 5. Al fine della quantificazione dell’assegno di divorzio, il giudice del merito, pur potendosi avvalere di un raffronto con l’assegno pattuito o giudizialmente fissato nel pregresso regime di separazione, non può e non deve utilizzarlo come parametro vincolante, ma deve attribuirlo e liquidarlo in base ai criteri autonomamente fissati dalla L. 1 dicembre 1970 n. 898, art. 5 data la diversità delle relative discipline sostanziali, della natura, struttura e finalità dei due trattamenti, correlate e diversificate situazioni, con la conseguenza che l’assetto economico relativo alla separazione può rappresentare mero indice di riferimento nella misura in cui appaia idoneo a fornire utili elementi di valutazione.

In particolare, la determinazione dell’assegno divorzile va effettuata verificando l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontata ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto. L’accertamento del giudice del merito in ordine alle condizioni economiche dei coniugi ed al reddito di entrambi deve essere compiuto, non in astratto, bensì in concreto; pertanto, detto giudice non può basare la propria decisione su un mero apprezzamento probabilistico, non fondato su dati realmente esistenti con riferimento alla specifica fattispecie.

Nella specie la concreta liquidazione dell’assegno e segnatamente la sensibile riduzione dell’importo stabilito in primo grado, risulta illegittimamente disposta dai giudici di merito senza la ponderata e bilaterale considerazione dei criteri di legge, nonchè e con riguardo alle condizioni economiche dell’onerato, pur ritenute ottime per il sopravvenuto notevole incremento del suo patrimonio, valorizzando, in prospettiva del tutto astratta ed anche inappagante sul piano della congruenza logica, l’evoluzione negativa della potenzialità produttiva del suo gruppo societario, nonchè ancora, in riferimento alle esigenze della beneficiaria, con erroneo riferimento limitativo ad un modello di vita proprio di un qualsiasi lavoratore dipendente, in luogo del pregresso tenore di vita coniugale che, invece, avrebbe dovuto costituire il tetto massimo della misura della contribuzione.

Conclusivamente il ricorso deve essere accolto e la sentenza impugnata cassata, con rinvio alla Corte di appello di Venezia, in diversa composizione, cui si demanda anche la pronuncia sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte di appello di Venezia, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 19 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 24 marzo 2010

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA