Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7133 del 20/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 20/03/2017, (ud. 10/01/2017, dep.20/03/2017),  n. 7133

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MACIOCE Luigi – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24235-2012 proposto da:

B.C. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

PIAZZA BORGHESE 3, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI PESCE,

rappresentato e difeso dall’avvocato CARLO CANIGLIA, giusta delega

in atti;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO C.F. (OMISSIS), in persona del Sindaco

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CARLO CONTI

ROSSINI 26, presso lo studio dell’avvocato SABRINA METTA,

rappresentato e difeso dall’avvocato MASSIMO RENNA, giusta delega in

atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2389/2011 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 03/11/2011 r.g.n. 2599/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/01/2017 dal Consigliere Dott. DE FELICE ALFONSINA;

udito l’Avvocato CARLO CANIGLIA;

udito l’Avvocato SABRINA METTA per delega Avvocato MASSIMO RENNA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO RITA, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Corte d’Appello di Lecce in data 3/11/2011 ha rigettato il ricorso di B.C., rivolto a ottenere la riforma della sentenza del Tribunale di Brindisi, con cui veniva ritenuta infondata la propria pretesa al riconoscimento – con ogni conseguenza giuridica ed economica – dell’indennità di posizione organizzativa, per aver svolto, dal febbraio 2001, le funzioni di Comandante del Corpo di Polizia municipale del Comune di Cellino San Marco, in seguito al trasferimento presso altro ente del Comandante titolare.

Avverso la sentenza della Corte d’Appello, la quale ha omesso di pronunciare sulla domanda di condanna all’indennità di P.O. ritenendola domanda nuova, ricorre il B. chiedendo a questa Corte di dichiarare e riconoscere come attuale il proprio interesse ad agire in ordine all’accertamento dello svolgimento delle funzioni e dell’assunzione della responsabilità di Capo del Corpo di Polizia Municipale a partire dal 2001; nonchè, accertata l’assunzione, da parte sua delle stesse funzioni, di dichiarare altresì maturato il diritto a percepire l’indennità di posizione organizzativa; e di condannare, infine, il Comune di Cellino San Marco al pagamento in suo favore della indennità di posizione organizzativa a decorrere dal febbraio 2001.

Il ricorrente affida le sue ragioni a un unico motivo.

Resiste con controricorso il Comune di Cellino S. Marco.

La difesa del B. ha depositato memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1^ e unico motivo. Omessa pronuncia sulla domanda ai sensi dell’art. 112 c.p.c., e conseguente nullità della sentenza o del procedimento, sotto il profilo dell’art. 360 c.p.c., n. 4; per contraddittoria motivazione, in riferimento all’art. 360 c.p.c., n. 5.

Assume parte ricorrente che la Corte territoriale avrebbe omesso di pronunciare sulla domanda di condanna al pagamento dell’indennità di posizione organizzativa, erroneamente ritenendola domanda nuova. Assume ancora che la stessa Corte d’Appello avrebbe omesso di pronunciare, altresì, sull’accertamento del diritto a conseguire la titolarità della posizione di coordinamento che determina l’attribuzione dell’indennità (art. 9 CCNL del Comparto Regioni e Autonomie locali, del 31.3.1999) e del conseguente diritto a percepire la stessa, sul presupposto errato che costituendo, l’accoglimento di tali domande, l’antecedente logico – giuridico di una tutela condannatoria, non accordabile per carenza dell’interesse ad agire del ricorrente, le relative questioni sarebbero divenute non esaminabili.

Il motivo è fondato. Secondo questo Collegio, la Corte territoriale è incorsa nell’equivoco di negare attualità alle pretese accertative del ricorrente per la circostanza che, in seguito al collocamento in quiescenza durante il processo, il B. avesse ritenuto di restringere la “latitudine delle censure opposte alla decisione impugnata”, senza tuttavia modificare i capi della domanda originariamente proposta davanti al giudice di prime cure e puntualmente reiterati in appello. L’omissione non può nemmeno farsi risalire alla circostanza che, cessato il ricorrente dal servizio nel corso del processo, il suo interesse si sarebbe risolto nelle sole pretese condannatorie e non anche in quelle accertative del gravame, poichè nella sentenza non vi è traccia di tale passaggio logico.

Deve, comunque, censurarsi come incoerente e incongrua la motivazione addotta dalla Corte d’Appello, nella parte in cui, sostiene, che una pronuncia di mero accertamento tout court del diritto sottostante sarebbe inidonea a reintegrare la sfera giuridica che si assume lesa, in ragione “…dell’incoercibilità dell’agire della P.A.”. Tale argomentazione non può essere accolta, in quanto, diversamente, si verrebbe a negare al giudicato accertativo una funzione satisfattiva dell’interesse ad agire in giudizio.

PQM

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza e rinvia alla Corte d’Appello di Lecce in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 20 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA