Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7131 del 13/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 13/03/2020, (ud. 29/01/2020, dep. 13/03/2020), n.7131

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17393-2018 proposto da:

I.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZALE CLODIO 12,

presso lo studio dell’avvocato STEFANO PARRETTA, rappresentato e

difeso dall’avvocato MARIA TERESA ANNA ANTONUCCI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in RONIA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– resistente –

avverso il decreto n. R.G. 19387/2017 del TRIBUNALE di BARI,

depositato il 04/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 29/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

RITENUTO

che I.G., nigeriano, ricorre avverso decreto del Tribunale di Bari, in data 4 maggio 2018, di rigetto della sua domanda di riconoscimento della protezione internazionale.

Diritto

CONSIDERATO

che i primi tre motivi sono fondati: il decreto impugnato non spiega le ragioni sulle quali fonda il rigetto della domanda, contenendo astratte affermazioni di stile” ricavate da precedenti giudiziari e da norme di legge, da cui non è dato in alcun modo evincere le ragioni per le quali il tribunale abbia ritenuto non “circostanziato” (dunque non credibile) il racconto del cittadino straniero, il quale aveva riferito di essere omosessuale, condizione che nel suo paese sarebbe criminalizzata, e per questa ragione di temere per la sua incolumità in caso di rimpatrio; ili tribunale, ignorando le allegazioni del richiedente asilo e nel caso in cui il suo racconto sia ritenuto credibile, non ha adempiuto al dovere di cooperazione istruttoria, al fine di verificare i rischi concreti determinati dall’essere omosessuale nel suo paese e valutarli nell’ottica delle norme in tema di protezione internazionale;

che il quarto motivo, riguardante la revoca della concessione del beneficio del patrocinio a spese dello Stato, è assorbito.

P.Q.M.

La Corte accoglie i primi tre motivi e dichiara assorbito il quarto; cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Bari, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 29 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 13 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA