Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7105 del 24/03/2010

Cassazione civile sez. trib., 24/03/2010, (ud. 17/11/2009, dep. 24/03/2010), n.7105

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

VIOLA Salvatore s.r.l., in persona del legale rappresentante V.

V., elettivamente domiciliata in Roma, presso la Cancelleria

della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa dagli avv.ti IZZO

Girolamo e Salvatore Piccolo, giusta procura speciale in calce al

ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso i

cui uffici è domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi 12;

– controricorrente –

avverso la decisione n. 174/31/06 della Commissione tributaria

regionale di Napoli, depositata il 26 febbraio 2007;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

17 novembre 2009 dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che in data 23 settembre 2009 è stata depositata relazione che qui si riporta:

Il relatore Cons. Dott. Giacinto Bisogni, letti gli atti depositati, osserva:

1. La controversia ha per oggetto l’impugnazione dell’avviso di accertamento con il quale l’Agenzia delle Entrate recuperava a tassazione un maggior reddito d’impresa ai fini IRPEG e ILOR nei confronti della s.r.l. Salvatore Viola;

2. La C.T.P. di Caserta rigettava il ricorso e la C.T.R. ha confermato tale decisione in accoglimento dell’eccezione di giudicato formulata dall’Ufficio;

3. Ricorre per cassazione la società contribuente;

4. Si difende con controricorso l’Agenzia delle Entrate che eccepisce la inammissibilità del ricorso per la generica formulazione dei motivi e per la mancata formulazione dei quesiti prescritta dall’art. 366 bis c.p.c.;

Ritiene che:

1. l’eccezione di inammissibilità del ricorso è palesemente fondata atteso che la ricorrente ha presentato un ricorso del tutto generico e privo di riferimento alla chiara motivazione della C.T.R. e ha omesso la indicazione dei motivi di ricorso e la formulazione dei quesiti prescritti dall’art. 366 bis c.p.c.;

2. sussistono i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e se l’impostazione della presente relazione verrà condivisa dal Collegio per la dichiarazione di inammissibilità del ricorso;

ritenuto che tale relazione appare pienamente condivisibile cosicchè il ricorso deve essere dichiarato inammissibile con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione che liquida in complessivi Euro 2.200,00 di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 17 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 24 marzo 2010

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA