Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7099 del 20/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 20/03/2017, (ud. 18/01/2017, dep.20/03/2017),  n. 7099

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27046/2013 proposto da:

Bottega Veneta Sa, successore di Bottega Veneta Internationale

S.a.r.l., in persona dei legali rappresentanti pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Piazza di Pietra n. 8-39, presso

l’avvocato Grippiotti Giovanni Antonio, rappresentata e difesa dagli

avvocati Gavuzzi Elisabetta, Roncaglia Pierluigi, giusta procura per

Notaio avv. M.B.G. di (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

Recòs di F.C. e R. S.n.c., in persona dei legali

rappresentanti pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Corso

Trieste n. 87, presso l’avvocato Antonucci Arturo che la rappresenta

e difende unitamente all’avvocato Brunori Piero, giusta procura in

calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1001/2013 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 21/06/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/01/2017 dal cons. FALABELLA MASSIMO;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato M. BOLETTO, con delega, che ha

chiesto l’estinzione;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale SALVATO

Luigi, che ha concluso per l’estinzione.

Fatto

RILEVA IN FATTO

la Corte:

che con atto notificato l’11 aprile 2008 Bottega Veneta s.r.l. evocava in giudizio Recòs di F.C. e R. s.n.c. per sentire accertato che l’uso intrecciato in pelle impiegato delle borse commercializzate dalla convenuta rappresentava contraffazione del marchio italiano di cui era titolare l’attrice, nonchè illecito concorrenziale;

che l’istante chiedeva inibirsi alla convenuta l’ulteriore compimento degli illeciti lamentati, con fissazione di una penale per le eventuali future violazioni, ordinarsi il ritiro dal mercato e la distruzione della merce contraffatta e condannarsi, infine, la controparte al risarcimento dei danni;

che Recòs si costituiva eccependo la nullità del marchio per mancanza di novità, di originalità e di capacità distintiva;

che il Tribunale di Firenze respingeva le domande attrici e compensava le spese di giudizio;

che la sentenza era impugnata da entrambe le società contendenti: Bottega Veneta insisteva per l’accoglimento delle domande che erano state respinte in primo grado, mentre Recòs chiedeva riformarsi la sentenza impugnata con riferimento al capo relativo alle spese e domandava condannarsi controparte al risarcimento dei danni ex art. 96 c.p.c.;

che la Corte di appello di Firenze, con sentenza pubblicata il 21 giugno 2013, respingeva il gravame principale e accoglieva quello incidentale con esclusivo riguardo al tema delle spese processuali;

che contro tale sentenza Bottega Veneta ha proposto un ricorso per cassazione basato su due motivi, mentre Recòs ha notificato controricorso;

che parte ricorrente ha depositato in cancelleria atto di rinuncia, corredato dell’accettazione del controricorrente;

che l’atto di rinuncia risulta conforme a quanto prescritto dall’art. 390 c.p.c., sicchè deve essere dichiarata l’estinzione del procedimento;

che non è luogo a pronunciare condanna alle spese, stante l’adesione alla rinuncia da parte di Recòs.

PQM

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 18 gennaio 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA