Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7090 del 12/03/2020

Cassazione civile sez. lav., 12/03/2020, (ud. 04/12/2019, dep. 12/03/2020), n.7090

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27432/2014 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati SERGIO PREDEN, LUIGI CALIULO, ANTONELLA PATTERI;

– ricorrente –

contro

B.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA NIZZA 59, presso

lo studio dell’avvocato AMOS ANDREONI, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1027/2014 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 27/08/2014; r.g.n. 515/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/12/2019 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VISONA’ Stefano, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato LUIGI CALIULO;

udito l’Avvocato PAOLO BOER per delega verbale Avvocato AMOS

ANDREONI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. La signora B.A. adiva il Tribunale di Bologna esponendo di essere stata assicurata presso l’INPS e di aver ottenuto l’autorizzazione alla prosecuzione della contribuzione volontaria in data 30 dicembre 1972; di essere stata in seguito iscritta alla gestione previdenziale INPDAP in qualità di insegnante; di avere richiesto in data 11 luglio 2008 la costituzione presso l’INPS di un’unica posizione assicurativa ai sensi della L. n. 332 del 1958 e di aver presentato domanda per l’accesso alla pensione di anzianità con decorrenza dal primo gennaio 2009, avendo compiuto l’età di 57 anni nel secondo trimestre del 2008.

2. L’Inps riconosceva la pensione di anzianità, ma con decorrenza dal primo gennaio 2010, ritenendo che dovesse applicarsi nel caso l’innalzamento dell’età pensionabile stabilito dall’aggiornamento della tabella di cui alla L. n. 247 del 2007.

3. La Corte d’appello di Bologna confermava la sentenza del Tribunale che aveva accolto la domanda della signora B. e riconosciuto la pensione di anzianità con la decorrenza anticipata richiesta, assumendo che dovesse nel caso applicarsi la deroga all’applicazione dei nuovi requisiti per la pensione di anzianità contenuta nella L. n. 243 del 2004, art. 1, comma 8, come modificato dalla L. n. 247 del 2007, essendo stata la ricorrente autorizzata ai versamenti volontari antecedentemente alla data del 20 luglio 2007, così come richiesto dalla previsione normativa richiamata, a ciò non ostando il fatto che il versamento dei contributi per la prosecuzione volontaria fosse già stato esaurito prima della predetta data.

4. Per la cassazione della sentenza l’INPS ha proposto ricorso, affidato ad un unico motivo, cui B.A. ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

5. A fondamento del ricorso l’istituto previdenziale deduce la violazione e falsa applicazione della L. 23 agosto 2004, n. 243, art. 1, comma 8, come modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 24. Sostiene che la norma speciale limiterebbe i suoi effetti ai procedimenti di contribuzione volontaria in itinere alla data del 20 luglio 2007, ipotesi che non sussiste nel caso.

6. Il ricorso non è fondato.

7. La disposizione che viene in esame è la L. 23 agosto 2004, n. 243, art. 1, comma 8 (come modificato dalla L. 24 dicembre 2007, n. 247, art. 1, comma 2), a mente del quale “Le disposizioni in materia di pensionamenti di anzianità vigenti prima della data di entrata in vigore della presente legge continuano ad applicarsi ai lavoratori che, antecedentemente alla data del 20 luglio 2007, siano stati autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione. Il trattamento previdenziale del personale di cui al D.Lgs. 12 maggio 1995, n. 195, del personale di cui alla L. 27 dicembre 1941, n. 1570, nonchè dei rispettivi dirigenti continua ad essere disciplinato dalla normativa speciale vigente”.

8. L’interpretazione restrittiva sostenuta dall’istituto non ha supporto normativo, in quanto la norma non richiede la sussistenza di altre condizioni, ulteriori rispetto a quella dell’intervenuta autorizzazione alla prosecuzione volontaria in data anteriore al 20 luglio 2007, nessuna rilevanza assumendo la data in cui i relativi versamenti contributivi siano avvenuti.

9. L’autorizzazione alla prosecuzione volontaria della contribuzione – di cui alla L. n. 47 del 1983, art. 1 – è un beneficio che consente ai soggetti assicurati, in caso di interruzione o cessazione del rapporto, e quindi in assenza di un rapporto di lavoro, di proseguirne il versamento traslando sul lavoratore l’obbligazione di pagamento dei contributi – già del datore di lavoro – ed è una misura finalizzata a tutelare una situazione di debolezza dell’assicurato allo scopo di consentirgli di conservare i diritti derivanti dall’assicurazione generale obbligatoria o di raggiungere i requisiti necessari per accedere alla pensione.

10. La ratio della deroga all’innalzamento dell’età pensionabile di cui si discute in causa è quindi quella di tutelare coloro che abbiano conseguito i requisiti pensionistici avvalendosi di tale prosecuzione volontaria e quindi con sacrifici personali, e che si verrebbero a trovare a causa delle modifiche normative introdotte a non poter accedere al pensionamento per l’inasprimento dei requisiti stessi.

11. Segue coerente il rigetto del ricorso.

12. Le spese, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

13. Ai sensi del D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in complessivi Euro 3.500,00 per compensi professionali, oltre ad Euro 200,00 per esborsi, rimborso delle spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 4 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA