Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7089 del 12/03/2020

Cassazione civile sez. lav., 12/03/2020, (ud. 04/12/2019, dep. 12/03/2020), n.7089

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 18399-2014 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati ANTONIETTA CORETTI, VINCENZO STUMPO, VINCENZO TRIOLO;

– ricorrente –

contro

T.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1385/2013 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 13/01/2014 r.g.n. 496/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/12/2019 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VISONA’ Stefano, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato VINCENZO STUMPO.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. La Corte d’Appello di Milano confermava la sentenza di primo grado che aveva riconosciuto ad T.A., iscritta alla gestione separata dell’Inps in quanto amministratore di società, l’indennità di maternità per il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro dal 24 marzo al 19 maggio 2009.

2. La Corte territoriale riteneva che non ostasse alla percezione della suddetta indennità il fatto che l’appellata avesse ricevuto in tale periodo il compenso per la carica di amministratore, considerato che l’avvenuto pagamento dell’emolumento non significava di per sè prestazione dell’attività lavorativa relativa alla carica, prestazione che era stata negata nella dichiarazione resa D.M. n. 12 luglio 2007, ex art. 5.

3. Per la cassazione della sentenza l’INPS ha proposto ricorso, affidato ad un motivo, illustrato anche con memoria ex art. 378 c.p.c., cui T.A. non ha opposto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

4. L’istituto ricorrente deduce la violazione e falsa applicazione della L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 2 comma 26, D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, art. 22, comma 2, e art. 64, nonchè D.M. 12 luglio 2007, n. 28057, artt. 1,2,5 e 6, con riferimento all’art. 2110 c.c., e L. n. 138 del 1943, art. 6, comma 2. Precisa che, contrariamente a quanto ritenuto dal giudice territoriale, il compenso per l’attività di amministratore è stato percepito dalla signora T. nel periodo di riferimento in misura intera e non in misura ridotta. Sostiene che in virtù dell’applicazione agli iscritti alla gestione separata della tutela della malattia e maternità prevista per il lavoro dipendente, esisterebbe incumulabilità tra la percezione della relativa indennità e la percezione di un reddito lavorativo.

5. Il ricorso non è fondato.

6. Il D.Lgs. n. 151 del 2001, ha regolamentato la materia della tutela e del sostegno della maternità e della paternità con riferimento in via principale ai lavoratori dipendenti, compresi quelli con contratto di apprendistato, di amministrazioni pubbliche, di privati datori di lavoro nonchè i soci lavoratori di cooperative, come si ricava dall’art. 2.

7. Delle lavoratrici iscritte alla gestione separata di cui alla L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 2, comma 26, non iscritte ad altre forme obbligatorie, si occupano l’art. 64, nonchè i successivi artt. 64 bis e 64 ter inserito dal D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80, art. 13, comma 1, con effetto a decorrere dal 25 giugno 2015.

8. Il testo del D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, art. 64, operante ratione temporis, anteriore alla modifica apportata dalla L. n. 81 del 22 maggio 2017, è il seguente:

“In materia di tutela della maternità, alle lavoratrici di cui alla L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 2, comma 26, non iscritte ad altre forme obbligatorie, si applicano le disposizioni di cui alla L. 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, comma 16, e successive modificazioni. Ai sensi della L. 23 dicembre 2000, n. 388, art. 80, comma 12, la tutela della maternità prevista dalla disposizione di cui alla L. 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, comma 16, quarto periodo, avviene nelle forme e con le modalità previste per il lavoro dipendente. A tal fine, si applica il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 4 aprile 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 136 del 12 giugno 2002. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, è disciplinata l’applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 7, 17 e 22 nei limiti delle risorse rinvenienti dallo specifico gettito contributivo, da determinare con il medesimo decreto”.

9. La disposizione è stata modificata dalla L. 22 maggio 2017, n. 81, art. 13, comma 1, che ha aggiunto al primo periodo, dopo le parole: “lavoro dipendente” le seguenti: “a prescindere, per quanto concerne l’indennità di maternità spettante per i due mesi antecedenti la data del parto e per i tre mesi successivi, dalla effettiva astensione dall’attività lavorativa”. L’analisi che viene qui svolta è però di necessità relativa al periodo anteriore a tale novella, considerato che l’indennità di maternità di cui si discute riguarda il periodo dal 24 marzo al 19 maggio 2009 (così la sentenza impugnata, pg. 6).

10. Dal testo in esame della disposizione si ricava che per le iscritte alla gestione separata l’assimilazione della disciplina rispetto a quella dettata per il lavoro dipendente non è operata in via generale in relazione a tutti i suoi aspetti, ma riguarda solo le “forme e modalità” della tutela, ferma restando la specifica disciplina dettata per gli iscritti alla gestione separata richiamata dalla stessa norma.

11. Tale disciplina, del resto, risente della peculiarità del lavoro prestato dagli iscritti alla gestione separata rispetto al lavoro dipendente. E difatti, è espressamente richiamato il D.M. 4 aprile 2002, recante l'”Attuazione della L. 23 dicembre 2000, n. 388, art. 80, comma 12″, che tra l’altro prevede all’art. 1 che alle madri lavoratrici iscritte alla gestione separata di cui alla L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 2, comma 26, e tenute al versamento della contribuzione dello 0,5 per cento di cui alla L. 27 dicembre 1997, n. 449, art. 59, comma 16, è corrisposta un’indennità di maternità per i due mesi antecedenti la data del parto ed i tre mesi successivi alla data stessa.

12. Il decreto richiamato dal D.Lgs. n. 151 del 2001, art. 64, cui è demandata l’applicazione alle lavoratrici iscritte alla gestione separata delle disposizioni dettate in via generale per i lavoratori

dipendenti agli iscritti alla gestione separata di cui agli artt. 7 (lavori vietati), 17 (Estensione del divieto) e 22 (Trattamento economico e normativo) è stato emanato il 12 luglio 2007.

13. In virtù di tale decreto, il divieto di adibire le donne al lavoro per il periodo di astensione obbligatoria di cui al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, art. 16, è esteso ai committenti di lavoratrici a progetto e categorie assimilate iscritte alla gestione separata ed agli associanti in partecipazione “a tutela delle associate in partecipazione iscritte alla gestione medesima”.

14. A norma dell’art. 2 dello stesso D.M., poi, le esercenti attività libero professionale iscritte alla gestione separata possono accedere all’indennità di maternità a condizione che l’astensione effettiva dall’attività lavorativa nei periodi di cui al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, art. 16, sia attestata da apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

15. A mente dell’art. 5, comma 3, l’indennità è corrisposta “previa attestazione di effettiva astensione dal lavoro da parte del lavoratore e del committente e resa nelle forme della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà”.

16. Il suddetto D.M. del 2007, art. 6, prevede infine che “Per i periodi di astensione dal lavoro per i quali è corrisposta l’indennità di maternità, sono accreditati i contributi figurativi ai fini del diritto alla pensione e della determinazione della misura stessa”.

17. Quindi, nel regime anteriore alla modifica apportata dalla L. n. 81 del 2017, la corresponsione dell’indennità di maternità è correlata per le lavoratrici iscritte alla gestione separata alla mancata prestazione di attività lavorativa debitamente attestata nelle forme sopra richiamate.

18. Dal quadro descritto si desume che la tutela della maternità per le lavoratrici iscritte alla gestione separata, nella disciplina operante ratione temporis, è dettata da apposita regolamentazione ed è caratterizzata da un duplice obiettivo: tutelare la salute della donna e del nascituro, soprattutto attraverso lo strumento dell’astensione dal lavoro, ed introdurre una provvidenza economica di sostegno alla maternità per il periodo di astensione dal lavoro.

19. La percezione dell’indennità opera tuttavia su un piano distinto rispetto allo stato di effettivo bisogno nel quale versi la donna in tale periodo. Se deve infatti ribadirsi la necessità, valorizzata anche dalla Corte Costituzionale (v. ex aliis la sentenza n. 271 del 1999) di evitare che dalla disciplina del rapporto di lavoro derivi una sostanziale menomazione economica a motivo della maternità, 0 con/ essa non confligge che tale tutela sia indipendente dai redditi percepiti, di qualunque natura essi siano.

20. Non osta quindi alla percezione dell’indennità di maternità la sussistenza di redditi che non siano collegati all’effettiva prestazione di attività lavorativa, come è avvenuto nel caso in esame, in cui la signora T. ha percepito l’indennità per la carica di amministratore di s.r.l., pur non avendo prestato attività lavorativa, come la stessa ha attestato con le forme previste dal D.M. del 2007, art. 5, e non è stato contestato in fatto dall’Inps.

21. Non hanno rilievo in senso ostativo le sentenze richiamate dall’Inps (Cass. Sez. U. n. 10232 del 27/06/2003 e successive conformi), che hanno ad oggetto la diversa questione dell’esonero dal pagamento del contributo di malattia dovuto all’INPS da parte del datore di lavoro che eroghi direttamente ai dipendenti il relativo trattamento economico.

22. La possibile coesistenza della contribuzione figurativa ed effettiva per il medesimo periodo non osta poi al fatto che essa sarà di necessità ritenuta utile ai fini della maturazione dei requisiti per la pensione e del suo ammontare secondo le norme nel tempo applicabili.

23. Segue coerente il rigetto del ricorso.

24. Non vi è luogo a pronuncia sulle spese, in assenza di attività difensiva della parte intimata.

25. L’esito del giudizio determina la sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, ove dovuto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 4 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA