Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7015 del 24/03/2010

Cassazione civile sez. trib., 24/03/2010, (ud. 18/11/2009, dep. 24/03/2010), n.7015

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

PETROL SILA s.r.l., domiciliata in Roma, presso la Cancelleria della

Corte di Cassazione, rappresentata e difesa dagli avv.ti Caserta

Cantillo e Luigi Marrazzo, giusta procura speciale a margine del

ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Dogane U.T.F. di Catanzaro, in persona del Direttore

pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello

Stato presso cui domiciliata in Roma via dei Portoghesi 12;

– controricorrente –

avverso la decisione n. 263/01/07 della Commissione tributaria

regionale di Catanzaro, emessa il 13 giugno 2007, depositata il 18

febbraio 2008, R.G. 99/07;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CICCOLO Pasquale Paolo Maria che si è riportato alla relazione;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18 novembre 2009 dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che:

in data 24 settembre 2009 è stata depositata relazione che ha ritenuto inammissibile il ricorso e che qui di seguito si riporta;

Il relatore, vista la sentenza della C.T.R. di Catanzaro che – in riforma della decisione di prime cure – ha accolto il ricorso dell’U.T.F. ritenendo che la pretesa impositiva fosse giustificata da una presunzione grave, precisa e concordante, consistente nella mancata annotazione nei registri, da parte del responsabile della società, del prodotto petrolifero soggetto ad accisa agevolata;

rilevato che il ricorso della contribuente articola tre mezzi di violazione di legge a conclusione dei quali non è formulato il quesito di diritto prescritto a pena di inammissibilità dall’art. 366 bis c.p.c. mentre i rilievi motivazionali del quarto motivo contengono doglianze su valutazioni, insindacabili, delle risultanze probatorie che non risultano neppure compendiate in un momento di sintesi che, secondo le nuove regole a presidio anche del principio di autosufficienza, deve circoscrivere la relativa censura;

ritenuto che:

il ricorso deve essere pertanto dichiarato inammissibile con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione che liquida in complessivi Euro 7.200 di cui 200 per spese, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, 18 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 24 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA