Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6989 del 23/03/2010

Cassazione civile sez. trib., 23/03/2010, (ud. 23/02/2010, dep. 23/03/2010), n.6989

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – rel. Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato,

nei cui uffici, in Roma, Via dei Portoghesi, 12 è domiciliata;

– ricorrente –

contro

B.R.R., residente ad (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 68/65/2007 della Commissione Tributaria

Regionale di Milano – Sezione Staccata di Brescia n. 65 in data

12/04/2007, depositata il 17 maggio 2007.

Udita la relazione della causa, svolta nella Camera di consiglio del

23 febbraio 2010 dal Relatore Dott. Antonino Di Blasi.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

La Corte:

Considerato che nel ricorso iscritto al n. 18437/2008 R.G., è stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“1 – E’ chiesta la cassazione della sentenza n. 68/65/2007 pronunziata dalla C.T.R. di Milano, Sezione Staccata di Brescia n. 65, il 12.04.2007 e DEPOSITATA il 17 maggio 2007.

Con tale decisione, la C.T.R., ha accolto l’appello dell’Agenzia Entrate e riformato la decisione di primo grado, negando il t diritto al rimborso dell’Irap. 2 – Il ricorso di che trattasi, che riguarda impugnazione del silenzio rifiuto su domanda di rimborso dell’IRAP per gli anni dal 1998 al 2000, è affidato ad un mezzo, con cui si deduce, nullità della sentenza per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 10 e 53.

3 – L’intimato, non ha svolto difese in questa sede.

4 – In fatto è pacifico che la decisione di primo grado è stata emessa nei confronti dell’Agenzia Entrate di Chiari e che l’appello del contribuente risulta proposto contro l’Agenzia Entrate – Ufficio di Brescia – nei cui confronti è stata emessa la decisione della CTR in questa sede impugnata, la quale ha ritenuto ammissibile l’appello, richiamando i principi della buona fede e dell’affidamento, desumibili dallo Statuto del contribuente.

4 bis – Al quesito posto a conclusione del mezzo, sembra doversi rispondere, alla stregua del disposto del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 10 e 53 e di consolidato orientamento giurisprudenziale (Cass. SS.UU. n. 3116/2006, n. 3118/2006), che la legittimazione a resistere nel grado di appello, spetta all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate di Chiari, che avendo emesso il provvedimento impugnato, essendo stato parte nel giudizio di primo grado e risultando contemplato nella decisione emessa in tale grado, è a ritenersi parte necessaria nel processo di merito.

5 – Si ritiene, dunque, sussistano i presupposti – per la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio e la definizione con il relativo accoglimento per manifesta fondatezza, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Il Relatore Cons. Dott. Antonino Di Blasi”.

Considerato che la relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata ai difensori;

visti il ricorso, e tutti gli altri atti di causa;

Considerato che il Collegio condivide le argomentazione svolte in relazione;

Considerato che in base alle stesse ed al principio giurisprudenziale ivi richiamato il ricorso dell’Agenzia Entrate va accolto e, per l’effetto, va cassata, senza rinvio, l’impugnata sentenza e l’appello, proposto dal contribuente avverso la decisione di primo grado, va dichiarato inammissibile;

Considerato, infine, che l’epoca del consolidarsi dell’applicato principio, giustifica la compensazione delle spese dell’intero giudizio;

Visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa senza rinvio la decisione impugnata e dichiara inammissibile l’appello proposto dal B., avverso la sentenza di primo grado; compensa le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 23 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 23 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA