Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6954 del 03/03/2022

Cassazione civile sez. trib., 03/03/2022, (ud. 06/12/2021, dep. 03/03/2022), n.6954

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. CATALLOZZI Paolo – rel. Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 28570/2013 R.G. proposto da:

Sud Italia Auto Import di G. C. e F. s.r.l., in persona del

legale rappresentate pro tempore, rappresentata e difesa dall’avv.

Giuseppe Rinaldi, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv.

Chiara Caroli, sito in Roma, via Costantino Corvisieri, 54;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi, 12;

– resistente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Puglia, sez. dist. di Taranto, n. 227, depositata il 24 dicembre

2012.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 6 dicembre

2021da1 Consigliere Paolo Catallozzi.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

– la Sud Italia Auto Import di G. C. e F. s.r.l. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Puglia, sez. dist. di Taranto, depositata il 24 dicembre 2012, che, in accoglimento dell’appello proposto dall’Ufficio, ha dichiarato legittimo l’avviso di accertamento con cui è stata rettificata la dichiarazione i.v.a. relativa all’anno 2001, recuperata la maggiore imposta non versata e irrogate le relative sanzioni, rideterminando le sanzioni nella misura del minimo edittale;

– dall’esame della sentenza impugnata si evince che con l’atto impositivo l’Ufficio ha contestato, in relazione ad operazioni di acquisto di autovetture usate di provenienza intracomunitaria, l’indebito assolvimento dell’I.v.a. mediante il cd. regime del margine, nonché l’illegittima detrazione dell’I.v.a. di rivalsa relative a spese accessorie;

– il giudice di appello ha rilevato che nei casi in esame non sussistevano i presupposti per l’assolvimento dell’I.v.a. secondo tale modalità e che la contribuente avrebbe potuto agevolmente verificare tale circostanza dal contenuto della documentazione tecnica trasmessale;

– il ricorso è affidato a sette motivi;

– resiste con controricorso l’Agenzia delle Entrate.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

– l’esame del ricorso richiede l’esame degli atti dei giudizi di merito contenuti nel fascicolo d’ufficio.

P.Q.M.

la Corte dispone l’acquisizione del fascicolo d’ufficio dell’intero giudizio e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 6 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 3 marzo 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA