Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6807 del 11/03/2021

Cassazione civile sez. VI, 11/03/2021, (ud. 02/02/2021, dep. 11/03/2021), n.6807

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Presidente –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – rel. Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1925-2020 proposto da:

M.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ALFREDO

FUSCO 104, presso lo studio dell’avvocato ANTONIO CAIAFA, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato CARLO GIULIANI;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SPA;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di TIVOLI, depositato l’11/10/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 2/2/2021 dal Consigliere Relatore Dott. ALBERTO

PAZZI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. il Tribunale di Tivoli, con decreto dell’11 ottobre 2019, liquidava in favore del Dott. M.F., curatore del fallimento n. (OMISSIS) s.p.a., la complessiva somma di Euro 64.000 a titolo di compenso per l’intera attività svolta, di cui Euro 24.000 quale compenso sull’attivo e Euro 40.000 quale compenso sul passivo;

2. per la cassazione di tale decreto ha proposto ricorso il Dott. M.F. prospettando due motivi di doglianza;

l’Avv. B.D., nominato curatore speciale della procedura ex art. 78 c.p.c., non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

3. il primo motivo di ricorso lamenta la violazione dell’art. 39 l. fall., così come integrato dal D.M. n. 30 del 2012, in quanto il Tribunale, nel determinare il compenso dovuto in considerazione del passivo realizzato, ha liquidato una somma (pari a Euro 40.000) inferiore al minimo di legge (Euro 98.547,19);

4. il secondo motivo di ricorso denuncia l’esistenza di un difetto assoluto di motivazione, in quanto il Tribunale ha operato una quantificazione del compenso dovuto inferiore alla misura minima di legge, pur dando atto di aver tenuto in considerazione l’opera onerosa e complessa prestata dal curatore e l’impegno profuso, particolarmente gravoso, i risultati ottenuti e la durata delle relative operazioni;

la motivazione offerta sarebbe quindi – in tesi del ricorrente – del tutto carente, non consentendo di comprendere le ragioni per cui è stato liquidato un compenso inferiore al minimo di legge, e contraddittoria, poichè in contrasto con l’ammontare del passivo richiamato;

5. i motivi, da esaminarsi congiuntamente in ragione della loro parziale sovrapponibilità, sono fondati;

il Tribunale infatti, dopo aver registrato l’ammontare del passivo (pari a Euro 164.069.530,73), ha liquidato in relazione allo stesso una somma (di Euro 40.000) di consistenza ben inferiore al limite minimo previsto dal D.M. n. 30 del 2012, art. 1, comma 2, (pari a Euro 98.574,19);

la motivazione del decreto impugnato non fornisce poi alcuna spiegazione sulle ragioni che hanno indotto il giudice di merito a provvedere a una liquidazione in misura inferiore alle percentuali minime previste dalla norma appena citata (ed anzi riconosce, sotto un profilo qualitativo, il carattere oneroso e complesso dell’opera prestata dal curatore e la particolare gravosità dell’impegno profuso);

una simile modalità di liquidazione costituisce, oltre a una violazione dell’obbligo di motivazione previsto dall’art. 39 L. fall., una violazione di legge, ove in questo modo il Tribunale abbia inteso negare l’esistenza di una regola concernente l’individuazione di un limite minimo nella liquidazione del compenso del curatore, o una falsa applicazione di legge, nel caso in cui invece il Tribunale abbia più semplicemente inteso trarre dalla norma, rispetto alla fattispecie concreta accertata, conseguenze giuridiche in contraddizione con una corretta interpretazione della stessa;

6. il provvedimento impugnato andrà dunque cassato, con rinvio al Tribunale di Tivoli, il quale, nel procedere a nuovo esame della causa, si atterrà ai principi sopra illustrati, avendo cura anche di provvedere sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e rinvia la causa al Tribunale di Tivoli in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 2 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 11 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA