Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6797 del 15/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 15/03/2017, (ud. 24/01/2017, dep.15/03/2017),  n. 6797

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9152-2016 proposto da:

P.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA E. TAZZOLI 2,

presso lo studio dell’avvocato LAURA NISSOLINO, rappresentato e

difeso dall’avvocato MASSIMO PALISI;

– ricorrente –

contro

S.P.A. DIRECT LINE INSURANCE, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

A. BERTOLONI, 55, presso lo studio dell’avvocato FEDERICO MARIA

CORBO’, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato FILIPPO

MARIA CORBO’;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2784/2015 del TRIBUNALE di PADOVA, depositata

il 15/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO

SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

il P. ha proposto ricorso per cassazione – articolato in due motivi – avverso la sentenza del Tribunale di Padova che ha confermato quella di primo grado, che aveva dichiarato l’improponibilità della domanda di risarcimento del danno alla persona subito dall’attore a seguito di un sinistro stradale sul rilievo che vi era stato un ingiustificato frazionamento della domanda per il credito derivante dal medesimo illecito (essendo stata precedentemente promosso giudizio per il risarcimento dei danni riportati dall’auto del ricorrente);

il primo motivo censura la sentenza per avere ritenuto integrato un abuso del diritto di agire in giudizio da parte del P. senza tener conto che il D.Lgs. n. 209 del 2005, artt. 145 e 148 prevedono modalità e termini diversi per il risarcimento dei danni alle cose e di quelli alle persone e trascurando il fatto che l’attore aveva potuto disporre della valutazione del proprio consulente medico-legale in data successiva all’introduzione del giudizio relativo ai danni alle cose; il secondo motivo denuncia l’erroneità della conclusione che alla – denegata – indebita frammentazione dovesse conseguire la dichiarazione di inammissibilità/improcedibilità della domanda, anzichè la compensazione delle spese del secondo giudizio.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il ricorso è inammissibile, in quanto non censura una delle due rationes decidendi adottate dal giudice di appello;

il Tribunale ha, infatti, affermato (a pagg. 9 e 10) che “a una pronuncia nel merito ostano, in secondo luogo, non solo i precedenti giurisprudenziali già richiamati in tema di abuso del processo (…), ma anche, sulla base di una corretta interpretazione del concetto di deducibile, il giudicato che si è già formato”: spiega il Tribunale che “nell’agire per una sola parte del credito l’attore provoca comunque una sentenza che fa stato sull’intero diritto”, cosicchè “ogni altro credito inerente la stessa obbligazione risarcitoria non può più essere fatto valere, perchè l’azione contrasta con i limiti oggetti(vi) del giudicato e con la precedente sentenza”;

la mancata impugnazione di tale ratio decidendi, da sola idonea – a prescindere dalla sua correttezza – a giustificare il mancato esame della seconda domanda risarcitoria, comporta l’inammissibilità – per difetto di interesse – delle censure in punto di sussistenza dei presupposti per l’applicazione del principio di infrazionabilità della domanda e di conseguenze della frammentazione dei credito;

le spese di lite seguono la soccombenza;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

la Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna il ricorrente a rifondere alla controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 2.500,00 (di cui Euro 200,00 per esborsi), oltre rimborso spese forfettarie e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 24 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 15 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA