Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6794 del 15/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 15/03/2017, (ud. 24/01/2017, dep.15/03/2017),  n. 6794

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6933-2016 proposto da:

G.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CASSIODORO

6 presso lo studio dell’avvocato PIERBIAGIO TAVANIELLO,

rappresentato e difeso dall’avvocato FABRIZIO ZOLI;

– ricorrente –

contro

GENERALI ITALIA S.P.A., P.M., P.F.,

P.A., P.L., PA.AN.,

PR.AN.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 971/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 10/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO

SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

la Corte di Appello di Roma ha dichiarato l’inammissibilità ex art. 342 c.p.c. del gravame proposto dal G., in relazione sia al primo e terzo motivo dell’appello (concernenti le critiche mosse alla relazione di c.t.u.) che al secondo motivo (concernente la concreta liquidazione del danno);

il G. ricorre per cassazione affidandosi a tre motivi che deducono l’omesso esame di fatti decisivi per il giudizio (il primo e il terzo) e la violazione dell’art. 342 c.p.c.(il secondo).

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il ricorso – esaminati congiuntamente i tre motivi, che si sostanziano tutti nella censura della ritenuta genericità dell’appello – è manifestamente fondato;

premesso che il ricorrente ha ottemperato all’onere della trascrizione dei tre motivi di appello, deve rilevarsi che, con essi, il G. indicava puntualmente i profili impugnati e illustrava adeguatamente (anche con richiamo alle note critiche alla c.t.u.) le ragioni dell’impugnazione, senza limitarsi dunque- ad una generica contestazione della sentenza di primo grado;

deve pertanto ritenersi che l’atto di appello non si limitasse a manifestare la volontà di impugnare, ma contenesse anche una parte argomentativa che mirava espressamente e motivatamente- ad incrinare il fondamento logico-giuridico della sentenza impugnata, in tal modo integrando il requisito della specificità richiesto dall’artt. 342 c.p.c. (cfr. Cass., S.U. n. 23299/2011; cfr. anche Cass. n. 18674/2011);

la sentenza va pertanto cassata, con rinvio, anche per le spese di lite.

PQM

la Corte accoglie il ricorso, cassa e rinvia, anche per le spese di lite, alla Corte di Appello di Roma, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 24 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 15 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA