Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6786 del 20/03/2010

Cassazione civile sez. III, 20/03/2010, (ud. 21/01/2010, dep. 20/03/2010), n.6786

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso LA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

SERRA MAURIZIO, giusta procura alle liti a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AXA ASSICURAZIONI S.P.A., in persona del suo legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA VESPASIANO 17/A,

presso lo studio dell’avvocato INCANNO’ GIUSEPPE, che la rappresenta

e difende, giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

L.A.G., L.C.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 129/2009 del TRIBUNALE di SASSARI, del

27/1/09, depositata il 03/02/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. RAFFAELLA LANZILLO;

è presente il P.G. in persona del Dott. IGNAZIO PATRONE.

La Corte:

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

Il giorno 4 dicembre 2009 è stata depositata in Cancelleria la seguente relazione ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ.:

“1.- C.D. propone due motivi di ricorso per Cassazione contro la sentenza n. 129/2009 del Tribunale di Sassari, notificata in data 8 maggio 2009, che confermando la sentenza emessa in primo grado dal Giudice di pace – ha respinto la domanda di risarcimento dei danni da lui proposta contro A. e L.C. e la s.p.a. Axa Ass.ni, a seguito di un incidente stradale occorso il 13.9.2001.

Resiste Axa con controricorso.

2.- Con il primo motivo il ricorrente lamenta l’insufficienza della motivazione sulla responsabilità per il sinistro, con riferimento alla valutazione della CTU sulle modalità dell’incidente, delle prove testimoniali e della mancata risposta dei convenuti all’interrogatorio formale.

3.- Con il secondo motivo lamenta l’insufficienza della motivazione quanto al mancato riconoscimento del concorso di colpa di cui all’art. 2054 cod. civ..

4.- I due motivi sono inammissibili sotto più di un profilo.

In primo luogo a causa dell’omessa formulazione dei quesiti di cui all’art. 366 bis cod. proc. civ., norma in vigore al tempo in cui il ricorso è stato proposto.

Si ricorda che anche le censure aventi ad oggetto vizi di motivazione debbono contenere, a pena di inammissibilità, un momento di sintesi, analogo al quesito di diritto, da cui risulti la chiara indicazione del fatto controverso, in relazione al quale la motivazione si assume omessa o contraddittoria, o le ragioni per cui essa appare inidonea a giustificare la decisione impugnata (Cass. civ. Sez. Un. 1^ ottobre 2007 n. 20603; Cass. civ. Sez. 3^ n. 4646/2008 e n. 4719/2008).

Tale requisito non si può ritenere rispettato quando, come nel caso in esame, solo la completa lettura dell’illustrazione del motivo – all’esito di un’interpretazione svolta dal lettore, anzichè su indicazione della parte ricorrente – consenta di comprenderne il contenuto ed il significato (Cass. civ., Sez. 3^, ord. 16 luglio 2007 n. 16002, n. 4309/2008 e n. 4311/2008). In secondo luogo le censure attengono agli accertamenti in fatto ed alla valutazione degli elementi di prova acquisiti agli atti, accertamenti e valutazioni che spettano esclusivamente al giudice di merito.

Il Tribunale ha ritenuto, con congrua e corretta motivazione, che non sia stato rigorosamente provato neppure il fatto che si sia verificato lo scontro fra i due veicoli, ed il ricorrente mette in discussione il risultato del suddetto accertamento; non evidenzia vizi logici o giuridici interni al percorso argomentativo. Ed è noto che il mero dissenso della parte rispetto al convincimento del giudice non è di per sè sufficiente a giustificare il ricorso per cassazione ai sensi dell’art. 360 cod. proc. civ., n. 5; nè vale a dimostrare che il giudice di appello non abbia logicamente motivato.

5.- Propongo che il ricorso sia dichiarato inammissibile, con procedimento in Camera di consiglio”. – La decisione è stata comunicata al pubblico ministero e ai difensori delle parti.

Il pubblico ministero non ha depositato conclusioni scritte.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

1.- Il Collegio, all’esito dell’esame del ricorso, ha condiviso la soluzione e gli argomenti esposti nella relazione.

2.- Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

3.- Le spese del presente giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di Cassazione, liquidate complessivamente in Euro 1.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi ed Euro 1.300,00 per onorari; oltre al rimborso delle spese generali ed agli accessori previdenziali e fiscali di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile, il 21 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 20 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA