Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6785 del 10/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 10/03/2020, (ud. 18/12/2019, dep. 10/03/2020), n.6785

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2004-2019 proposto da:

B.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE

GIULIO CESARE 95, presso lo studio dell’avvocato RITA BRUNO,

rappresentato e difeso dall’avvocato LORENZO CILIENTO;

– ricorrente –

contro

T.A. in proprio e nella qualità di legale rappresentante di

EREDI FARMACIA DR.SSA R.A., T.P., T.C.,

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA DEI PONTEFICI 3, presso lo

studio dell’avvocato NICO PANIO, rappresentati e difesi

dall’avvocato MICHELE BIA;

– controricorrenti –

avverso l’ordinanza n. 16838/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 26/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. PONTERIO

CARLA.

Fatto

RILEVATO

che:

1. la Corte d’appello di Bari, con sentenza n. 1303 pubblicata il 21.6.2016, ha respinto l’appello proposto da B.M. nei confronti di T.C., T.A. e T.P., eredi della Farmacia Dott.ssa R.A., così confermando la pronuncia di primo grado con cui erano state rigettate le domande del medesimo di nullità o illegittimità del licenziamento intimatogli il 29.11.2009 e di condanna al pagamento di differenze retributive per lo svolgimento di mansioni superiori e al risarcimento del danno morale ed esistenziale;

2. la Corte territoriale ha escluso che le prove testimoniali (testi C., A., L., T.D.P., F. e N.) e documentali dimostrassero il carattere ritorsivo del licenziamento, ritenendo provato l’addebito (assenze ingiustificate) posto a base della decisione di recesso; ha accertato, in base all’esame dei testi ( N., F. e T.) come il B. avesse svolto le mansioni di collaboratore di farmacia, corrispondenti alla qualifica rivestita, e quelle di direttore di farmacia solo per periodi limitati in caso di assenza della titolare, in conformità a quanto previsto dall’art. 4 del c.c.n.l. applicato, come confermato dalle comunicazioni di “sostituzione temporanea d’incarico” inviate all’Asl;

3. ha giudicato assorbito il motivo di appello sul mancato risarcimento del danno morale ed esistenziale e respinto la censura di nullità della sentenza per violazione del principio del contraddittorio, accertando come la sentenza del Tribunale recasse la data del 19.10.2015 e fosse stata redatta in epoca successiva alla scadenza del termine per il deposito di note fissato l’8.10.2015;

4. la Corte di Cassazione, sez. lavoro, con ordinanza n. 16838/18, ha respinto il ricorso del B. dichiarando inammissibile il primo motivo perchè contenente critiche alla ricostruzione in fatto operata dalla Corte di merito, non conformi allo schema legale del novellato art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5; ha ritenuto infondato il secondo motivo di ricorso in ragione della corretta applicazione dell’art. 4 del c.c.n.l. Sanità e per essere le residue censure volte a proporre una diversa e inammissibile lettura del materiale probatorio; ha giudicato inammissibile il terzo motivo in quanto non sorretto da adeguata esposizione del contenuto della originaria domanda risarcitoria e parimenti il quarto motivo mancante della necessaria esposizione del fatto processuale su cui si basava la denunciata violazione dell’art. 112 c.p.c.;

5. contro l’ordinanza di questa Corte n. 16838/2018 B.M. ha proposto ricorso per revocazione ai sensi dell’art. 391 bis c.p.c., in relazione all’ipotesi di cui all’art. 395 c.p.c., n. 4;

6. T.A., in proprio e quale legale rappresentante della comunione ereditaria denominata “Eredi Farmacia Dott.ssa R.A.”, T.C. e T.P. hanno resistito con controricorso;

7. la proposta del relatore è stata comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

8. a sostegno della revocazione B.M. ha addebitato a questa Suprema Corte di avere “tralasciato alcuni fatti decisivi documentali ed endoprocessuali” nel prudente apprezzamento delle prove, di non aver colto il contenuto materiale delle prove documentali (lettera del 31.12.2008 e riepilogo delle competenze di fine rapporto) decisivo rispetto ai fatti costitutivi del licenziamento ritorsivo, di non aver tenuto conto del deficit motivazionale della pronuncia d’appello rispetto alla denuncia di precompilazione della sentenza di primo grado;

9. la difesa della parte controricorrente ha preliminarmente eccepito l’inammissibilità del ricorso per revocazione in quanto tardivo; ha allegato di aver provveduto alla notifica della sentenza di legittimità a mezzo posta elettronica certificata (di cui ha allegato le ricevute) in data 18.7.2018 e che il ricorso in oggetto era stato notificato il 27.12.2018, ampiamente dopo il decorso del termine di 60 giorni, di cui all’art. 391 bis c.p.c., comma 1;

10. in data 17.12.2019 il ricorrente in revocazione ha depositato atto di rinuncia al ricorso; l’atto di rinuncia non risulta notificato alla controparte;

11. la rinuncia al ricorso per cassazione, quale atto unilaterale recettizio, è inidonea a determinare l’estinzione del giudizio se non notificata alle controparti costituite o comunicata ai loro difensori con apposizione del visto, ma vale comunque a far venire meno l’interesse alla decisione, determinando l’inammissibilità sopravvenuta del ricorso (cfr. Cass. n. 12743/16; n. 13923/19);

12. il ricorso deve quindi essere dichiarato inammissibile;

13. le spese del giudizio di legittimità seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo;

14. non ricorre nel caso di specie l’obbligo al cd. raddoppio del contributo unificato; la previsione di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, come modificato dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, contiene una misura eccezionale, “lato sensu” sanzionatoria, come tale non suscettibile di interpretazione estensiva o analogica (cfr. Cass., Sez. 6 n. 23175/15); pertanto l’obbligo dalla stessa introdotto deve intendersi limitato ai casi tipizzati di rigetto dell’impugnazione o della sua declaratoria di improcedibilità o d’inammissibilità originaria, ma non trova applicazione in ipotesi, come quella in esame, di causa di inammissibilità sopravvenuta alla proposizione del ricorso per cassazione (Cass. n. 31732/18; Sez. 6 n. 14782/18; n. 13636/15).

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 2.500,00 per compensi professionali, in Euro 200,00 per esborsi, oltre rimborso spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della non sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 18 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 10 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA