Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6782 del 15/03/2017

Cassazione civile, sez. VI, 15/03/2017, (ud. 13/01/2017, dep.15/03/2017),  n. 6782

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11075/2015 proposto da:

C.P., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

GIAMPIERO GAMBETTI, giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

CREDITO COOPERATIVO RAVENNATE E IMOLESE SOC. COOP., C.E. e P.I.

(OMISSIS), in persona del suo Presidente pro tempore R.S.,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CORTI DI

CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato PAOLO BONTEMPI,

giusta procura speciale in calce al controricorso e ricorso

incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 948/2014 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 02/04/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 13/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che C.P. ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 21 aprile 2015, avverso la sentenza della Corte d’appello di Bologna, depositata il 2 aprile 2014, nella causa dalla medesima proposta nei confronti di C.P. e del Credito Cooperativo Ravennate e Imolese.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che la sentenza impugnata è stata notificata in data 8 luglio 2014 ai procuratori costituiti di C.P., elettivamente domiciliati presso la cancelleria (modalità idonea, tra l’altro, a fare decorrere il termine breve di impugnazione di cui all’art. 325 c.p.c., comma 2, v. Cass. n. 2133/2016); ritenuto che la ricorrente non ha ottemperato all’onere di depositare copia autentica della sentenza impugnata e la relativa relata di notificazione entro il termine di cui all’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 2 e che, pertanto, il ricorso è improcedibile, senza necessità di riscontrare la sua eventuale inammissibilità (v. Cass. n. 7469/2014, n. 6706/2013).

PQM

dichiara il ricorso improcedibile; condanna la ricorrente alle spese, liquidate in Euro 7800,00.

Sussistono i presupposti di legge per porre a carico della ricorrente il pagamento del doppio contributo.

Così deciso in Roma, il 13 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 15 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA