Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6779 del 24/03/2011

Cassazione civile sez. trib., 24/03/2011, (ud. 16/12/2010, dep. 24/03/2011), n.6779

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Giugliano Costruzioni s.a.s. di G.A., elett.te dom.ta

in Roma, presso la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappr.ta e

difesa dall’avv.to Esposito Benito Antonio, per procura speciale a

margine del ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

generale dello Stato, domiciliata presso i suoi uffici in Roma via

dei Portoghesi 12;

– controricorrente –

avverso la decisione della C.T.R. della Campania, n. 89/45/06 emessa

il 6 aprile 2006, depositata il 27 aprile 2006, R.G. 7187/05;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Cons. Dott. IANNELLI

Domenico;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16 dicembre 2010 dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

Fatto

OSSERVA

La controversia ha per oggetto l’impugnazione, da parte della società contribuente, della cartella di pagamento relativa al recupero del credito di imposta per l’anno 2000 iscritto a ruolo a seguito di controllo della dichiarazione del D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 36 bis;

La C.T.P. di Napoli accoglieva il ricorso affermando la tardività dell’iscrizione a ruolo D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 17. L’Agenzia delle Entrare ricorreva in appello eccependo il vizio di ultrapetizione della sentenza e l’infondatezza della ritenuta decadenza per effetto della proroga legale del termine di cui al citato art. 17. La C.T.R. ha accolto l’appello;

Ricorre per cassazione con due motivi di impugnazione la società contribuente deducendo violazione e falsa applicazione di norme di diritto ex art. 360 c.p.c., n. 3 e violazione del procedimento ex art. 360 c.p.c., n. 4, in relazione all’art. 112 c.p.c.;

Con relazione ex art. 380 bis c.p.c., si è prospettata la sussistenza dei presupposti della trattazione in camera di consiglio della controversia per inammissibilità o manifesta infondatezza del ricorso con riferimento ai seguenti profili: generica formulazione dei motivi senza una chiara identificazione del loro contenuto che risulta comunque incerto anche a una lettura integrale del ricorso;

inesistenza di un vizio formale dell’atto di appello, consistente nell’erronea indicazione dell’organo giurisdizionale adito, tale da indurre in errore sulla reale volontà dell’appellante; novità delle eccezioni sollevate da parte ricorrente rispetto all’originaria contestazione del recupero a tassazione del credito di imposta;

condivisibilità della decisione della C.T.R. nella parte in cui ha rilevato la tardività dell’eccezione D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 17 e ha ritenuto l’infondatezza dell’eccezione in quanto la proroga dei termini per gli anni 2001 e 2002 disposta dal D.L. n. 143 del 2003, art. 1, comma 2 octies, rende comunque tempestiva l’iscrizione a ruolo per cui si controverte;

ritenuto che tale relazione appare pienamente condivisibile specificamente per ciò che concerne l’infondatezza delle difese svolte da parte della società ricorrente;

ritenuto che il ricorso deve pertanto essere respinto con condanna della ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione liquidate in complessivi Euro 800, di cui 100,00 per spese, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 16 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 24 marzo 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA