Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 675 del 15/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 15/01/2021, (ud. 03/12/2020, dep. 15/01/2021), n.675

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9109-2019 proposto da:

S.R., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato GIUSEPPE PANTALEONE;

– ricorrente –

contro

D.R.P.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 133/2019 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 24/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 03/12/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

GRAZIOSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

La Corte d’appello di L’Aquila, con sentenza del 24 gennaio 2019, rigettava l’appello proposto da S.R. avverso sentenza del Tribunale di Pescara n. 966/2014, che l’aveva condannata a pagare a D.R.P. la somma di Euro 46.500, oltre interessi, per restituzione di quanto ricevutone per mutuo.

S.R. ha presentato ricorso, da cui l’intimato non si è difeso.

Diritto

RITENUTO

che:

Il ricorso contiene due motivi, privi di rubrica.

Nei motivi per altro, in effetti, non è dato comprendere quale censura tra quelle indicate dall’art. 360 c.p.c., comma 1, sia veicolata.

A ciò si aggiunge che i motivi miscelano elementi fattuali con argomentazioni di diritto. E deve ulteriormente aggiungersi che la premessa del ricorso non è autosufficiente quanto alla fase d’appello, neppure indicando se la controparte si era difesa e come, e che cosa specificamente decise la corte territoriale.

L’inammissibilità investe quindi il ricorso ai sensi dell’art. 366 c.p.c., n. 3, non essendovi luogo a pronuncia sulle spese poichè l’intimato non si è difeso.

Seguendo l’insegnamento di S.U. 20 febbraio 2020 n. 4315 si dà atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2012, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso e non luogo a provvedere sulle spese processuali.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 3 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA