Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 674 del 11/01/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 674 Anno 2013
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: CICALA MARIO

ORDINANZA

sul ricorso 7948-2011 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE 06363391001, in persona del
Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in
ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA
GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope
legis;
– ricorrente contro

FINI FLORIANO;
– intimato –

avverso la sentenza n. 21/2010 della COMMISSIONE
TRIBUTARIA REGIONALE di BOLOGNA del 15/12/09,
depositata il 02/02/2010;

Data pubblicazione: 11/01/2013

udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del 27/11/2012 dal Consigliere Relatore Dott.
MARIO CICALA;

è presente il P.G. in persona del Dott. UMBERTO APICE.

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Oggetto: IRAP- Consulente aziendale

E’ stata depositata la seguente relazione:
I. L’ Agenzia ricorre per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria
Regionale dell’Emilia Romagna 21/19 /10 del 2 febbraio 2010 che rigettava l’appello dell’ufficio
affermando la spettanza al sig. Floriano Fini del rimborso IRAP relativamente agli anni 2001- 2004.
2. Il contribuente non si è costituito in giudizio.
3. Il ricorso deve essere rigettato.
Il giudice di merito ha motivato la sua pronuncia attraverso congrue valutazioni in fatto che
evidenziano come il contribuente operi senza l’ausilio di una struttura organizzata di una qualche
consistenza. Circostanza questa confermata dalla modestia delle spese indicate dalla
Amministrazione nel proprio ricorso a pag. 9 (formulazione di sintesi), in cui vengono corrette le
indicazioni contenute a pag. 6 ove sì è evidentemente inserito uno “0” di troppo accreditando al
contribuente ad esempio 2.876.000 euro per spese di immobili anzicchè 2.876, 00.

Il Collegio ha condiviso la proposta del relatore.
Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

PQM
La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente alle spese che liquida in € 2.000.
Così deciso nella camera di consiglio della sesta sezione civile il giorno 27 novembre 2012

DEPOSTTATO IN CANCELLERIA

Reg. Gen. 7948/2010
RICORRENTE: AGENZIA ENTRATE
INTIMATO: Floriano Fini

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA