Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6681 del 09/03/2020

Cassazione civile sez. VI, 09/03/2020, (ud. 18/12/2019, dep. 09/03/2020), n.6681

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13140-2018 proposto da:

I.E.D. ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN SPA, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LUIGI GIUSEPPE FARAVELLI 22, presso lo studio dell’avvocato VALERIA

COSENTINO, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

FRANCESCA MARIA VALLE, GIORGIO TREGLIA;

– ricorrente –

contro

D.P.A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO MAINETTI, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

STEFANIA PATTARINI, VANNI MARCO RIBECHI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 48/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 01/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARCHESE

GABRIELLA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

la Corte di appello di Milano, pronunciando sull’appello di IED -Istituto Europeo di Design – S.p.A. (di seguito, per brevità, IED), in parziale riforma della decisione di primo grado (che aveva dichiarato la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato tra le parti in causa, con riconoscimento del I livello CCNL Terziario, e condannato la società IED alla ricostituzione del rapporto di lavoro, al risarcimento del danno e al pagamento di differenze di retribuzione), ha riconosciuto il diritto di D.P.A. all’inquadramento nel III livello del CCNL Terziario, con rigetto della domanda avente ad oggetto il pagamento di differenze retributive; ha, quindi, ordinato a IED “il ripristino del rapporto di lavoro e la condanna al risarcimento del danno in misura pari alle retribuzioni maturate dall’1.11.2015 all’effettiva riammissione nel posto di lavoro” riferite al minor livello riconosciuto; per il resto, ha confermato le statuizioni del giudice di primo grado;

per quanto qui rileva, a fondamento del decisum, la Corte territoriale ha osservato come i progetti dei contratti di lavoro, oggetto di causa, si limitassero a generiche indicazioni, seguite dall’elenco delle mansioni da espletare, senza che vi fosse l’individuazione specifica dell’obiettivo da realizzare; essi, dunque, erano carenti dei presupposti di legge; ha ritenuto, inoltre, che il D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 69, anche nella versione antecedente le modifiche di cui alla L. n. 92 del 2012, art. 1, comma 23, lett. f., ponesse una presunzione assoluta di subordinazione del rapporto di lavoro;

per la cassazione della decisione, ha proposto ricorso IED, articolato in tre motivi;

ha resistito, con controricorso, la lavoratrice;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio;

la parte controricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con il primo motivo – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – è dedotta violazione e falsa applicazione di norme di diritto in relazione al D.Lgs. n. 276 del 2003, artt. 61 e 62;

il motivo investe l’accertamento di non specificità dei progetti e dell’assenza di un risultato finale; secondo la parte ricorrente, diversamente da quanto argomentato dalla Corte di merito, i contratti intervenuti tra le parti contenevano progetti validi, dettagliati e debitamente circoscritti;

il motivo, per come prospettato, è inammissibile;

la Corte di appello ha premesso, richiamando alcuni precedenti di legittimità, che il contratto a progetto, per essere corrispondente alla definizione di legge, non potesse limitarsi ad una mera elencazione delle attività da svolgere, dovendo piuttosto enucleare uno specifico obiettivo prefissato dal committente; ha, quindi, concluso, esaminando il contenuto concreto delle pattuizioni intercorse tra le parti, per l’illegittimità di quelli intercorsi tra le parti, carenti dei presupposti di legge;

per i giudici di merito, infatti, i contratti di lavoro, come già esposto nello storico di lite, si limitavano a generiche indicazioni, seguite dall’elenco delle mansioni che la lavoratrice avrebbe dovuto espletare, senza che recassero l’indicazione di un obiettivo da raggiungere;

il ragionamento della Corte di appello è in linea con il principio di questa Corte per cui: “in tema di contratto di lavoro a progetto, la definizione legale di cui al D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 61, richiede la riconducibilità dell’attività ad un progetto o programma specifico – senza alcuna differenza concettuale tra i due termini – il cui contenuto, sebbene non inerente ad una attività eccezionale, originale o del tutto diversa rispetto alla ordinaria attività di impresa, sia comunque suscettibile di una valutazione distinta da una “routine” ripetuta e prevedibile, dettagliatamente articolato ed illustrato con la preventiva individuazione di azioni, tempi, risorse, ruoli e aspettative di risultato, e dunque caratterizzato da una determinata finalizzazione, anche in termini di quantità e tempi di lavoro” (v. tra le pronunce più recenti, Cass. n. 5418 del 2019);

parte ricorrente, nel dissentire dall’accertamento compiuto dalla Corte di merito, riporta il contenuto, peraltro parziale, dei contratti stipulati tra le parti e ne assume, invece, la conformità al modello legale; in tal modo, però, le censure piuttosto che prospettare gli (eventuali) errori di sussunzione compiuti dai giudici (attraverso la deduzione del perchè, invece, in ogni contratto, dovesse cogliersi il quid pluris idoneo a integrare la condizione di legge – id est: l’obiettivo finale -) finiscono per esprimere un mero dissenso al convincimento cui è pervenuto il giudice di merito, così che, in definitiva, schermano una inammissibile deduzione di vizio della motivazione;

con il secondo motivo – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – è dedotta violazione e falsa applicazione di norme di diritto in relazione al D.Lgs. n. 276 del 2003, artt. 61 e 69, e degli artt. 2094 e 2697 c.c.; si assume l’errore della Corte di appello per non aver effettuato la minima indagine istruttoria in merito al concreto atteggiarsi del rapporto e per non aver considerato che la lavoratrice non avesse fornito alcun principio di prova dell’eterodirezione;

con il terzo motivo – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – è dedotta violazione e falsa applicazione del d.Lgs. n. 276 del 2003, art. 69; la censura investe l’affermata natura di presunzione assoluta della sussistenza di subordinazione, posta dalla norma di legge;

i due motivi, intimamente connessi, possono congiuntamente esaminarsi e sono infondati in relazione al principio, oramai consolidato, per cui: “in tema di lavoro a progetto, il D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 69, comma 1 (“ratione temporis” applicabile, nella versione antecedente le modifiche di cui alla L. n. 92 del 2012, art. 1, comma 23, lett. f)), si interpreta nel senso che, quando un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa sia instaurato senza l’individuazione di uno specifico progetto, programma di lavoro o fase di esso, non si fa luogo ad accertamenti volti a verificare se il rapporto si sia esplicato secondo i canoni dell’autonomia o della subordinazione, ma ad automatica conversione in rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, sin dalla data di costituzione dello stesso (Cass. n. 9471 del 2019; Cass. n. 17127 del 2017; Cass. n. 12820 del 2016);

sulla base delle esposte considerazioni, il ricorso va dunque rigettato, con le spese liquidate, come da dispositivo, secondo soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 3.000,00 per compensi professionali, in Euro 200,00 per esborsi oltre spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 18 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 9 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA