Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6671 del 01/03/2022

Cassazione civile sez. VI, 01/03/2022, (ud. 14/09/2021, dep. 01/03/2022), n.6671

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Presidente –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 8658-2020 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE, (OMISSIS), in persona del

Presidente pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI, 12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

S.G.;

– intimata –

contro

S.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DOMENICO CIRILLO,

15, presso lo studio dell’avvocato AGNESE CONDARELLI, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente successivo –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE;

– intimata –

avverso la sentenza n. 4502/18/2019 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DEL LAZIO, SEZIONE DISTACCATA di LATINA, depositata il

22/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 14/09/2021 dal Consigliere Relatore Dott. MARIA ENZA

LA TORRE.

 

Fatto

RITENUTO

che:

L’Agenzia delle entrate ricorre per la cassazione della sentenza della CTR del Lazio, n. 4502/18/2019 dep. 22.7.2019, che in controversia su impugnazione da parte di S.G. di cartella di pagamento per Irpef anno 2012 ha accolto l’appello della contribuente, ritenendo, contrariamente alla sentenza di primo grado, tempestiva la domanda introduttiva del giudizio in relazione alla data di notifica dell’atto impugnato, con compensazione delle spese del giudizio “stante l’opposta soluzione della controversia nei due gradi di giudizio”.

S.G. è rimasta intimata.

La CTR, per quanto ancora rileva, ha ritenuto tempestivo il ricorso in relazione alla cartella, notificata il 28.4.2017, considerando ininfluente che la medesima cartella fosse stata notificata precedentemente e posta a base di atto di pignoramento presso terzi, oggetto di separato giudizio. Contro la medesima sentenza della CTR del Lazio, n. 4502/18/2019 dep. 22.7.2019, ricorre S.G., contestando la statuizione della sentenza quanto alla liquidazione delle spese, ritenendo inidonea la motivazione addotta dalla CTR per compensarle.

L’Agenzia delle entrate non ha proposto controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

in mancanza di specifici precedenti non ricorrono le condizioni di cui all’art. 375 c.p.c..

P.Q.M.

Rinvia la causa alla sezione quinta, dando mandata alla Cancelleria per gli opportuni adempimenti.

Così deciso in Roma, il 14 settembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 1 marzo 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA