Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6640 del 14/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/03/2017, (ud. 24/01/2017, dep.14/03/2017),  n. 6640

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3337-2016 proposto da:

D.F.,elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

MAURIZIO MANI;

– ricorrente –

contro

G.F., G.M., GA.MA., g.m.,

G.A., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA ANGELO SECHI 9, presso

lo studio dell’avvocato ATTILIO ZIMATORE, rappresentati e difesi

dagli avvocati TOMASO CAREDDU e GEROLAMO ORECCHIONI;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 306/2015 della CORTE D’APPELLO DI CAGLIARI –

SEZIONE DISTACCATA DI SASSARI, depositata il 30/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO

SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

La Corte di Appello ha rigettato il gravame proposto dalla D. avverso la sentenza del Tribunale di Tempio Pausania che aveva rigettato la domanda di retratto agrario da essa avanzata nei confronti degli odierni controricorrenti;

La Corte ha affermato che con l’atto di appello era stata introdotta una domanda nuova in quanto avente una causa petendi diversa da quella dell’originaria richiesta (fondata sull’attività di coltivazione del fondo confinante con quello venduto anzichè – come in appello – sullo svolgimento di attività di silvicoltura);

La Corte ha peraltro affermato che, “anche a voler prescindere dall’inammissibilità dell’appello, deve rilevarsi che, appunto per la ragione che il giudizio di primo grado era stato fondato su situazioni di fatto diverse da quelle successivamente prospettate, prova alcuna è stata data in ordine alla circostanza che la D. ed i suoi familiari abbiano provveduto ed in quale misura agli specifici lavori relativi alla estrazione del sughero e alla pulitura del fondo”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il ricorso per cassazione della Bibeltulo – basato su un unico motivo che denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 345 c.p.c., “in tema di domanda nuova” – non censura la seconda ratio decidendi adottata dal giudice di appello, afferente al totale difetto di prova dell’esercizio dell’attività di silvicoltura;

la mancata impugnazione di tale ratio decidendi, da sola idonea a giustificare il mancato accoglimento della domanda di retratto, comporta l’inammissibilità – per difetto di interesse – delle censure in punto di novità della domanda;

le spese di lite seguono la soccombenza;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna la ricorrente a rifondere alla parte controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 2.300,00 (di cui Euro 200,00 per esborsi), oltre rimborso spese forfettarie e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13 comma 1 – quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma 1 – bis dello stesso art. 13.

Così deciso in Roma, il 24 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA