Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6639 del 14/03/2017

Cassazione civile, sez. VI, 14/03/2017, (ud. 24/01/2017, dep.14/03/2017),  n. 6639

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 977/2016 proposto da:

P.A.L., in proprio e quale genitore esercente la potestà

sulla figlia minore Pa.Ma., elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA CICERONE, 49, presso lo studio dell’avvocato PAOLO

BOTZIOS, rappresentata e difesa dagli avvocati VITANTONIO RIPOLI ed

EUSTACHIO MAURO FRANCIONE;

– ricorrente –

contro

GENERALI ITALIA S.P.A. (già Ina Assitalia – Le Assicurazioni

d’Italia S.p.A.), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LUCREZIO CARO 62, presso la

studio dell’avvocato VALENTINO FEDELI, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

AURORA ASSICURAZIONI S.P.A., G.A., G.N.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 411/2014 della CORTE D’APPELLO di POTENZA,

depositata il 28/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 24/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO

SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

in parziale riforma della sentenza di primo grado, la Corte di Appello di Potenza ha incrementato il risarcimento del danno non patrimoniale riconosciuto alla P. e alla figlia Pa.Ma. per la morte di Pa.Gi., avvenuta a seguito di un sinistro stradale ascritto a concorrente responsabilità della vittima (per il 30%) e del conducente di un veicolo non identificato (per il 70%); ha, inoltre, riconosciuto ex novo a Pa.Ma. il danno patrimoniale conseguente alla perdita del padre;

ricorre per cassazione la P. – sia in proprio che in rappresentanza della figlia minore – affidandosi a due motivi; resiste la Generali Italia s.p.a. a mezzo di controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

entrambi i motivi sono inammissibili nella parte in cui deducono un vizio motivazionale ai sensi del vecchio testo dell’art. 360 c.p.c., n. 5, non più applicabile ratione temporis;

il primo motivo è infondato nella (residua) parte in cui denuncia la violazione e falsa applicazione degli artt. 2043 e 2059 c.c., in quanto:

– in relazione alla morte del Pa., non spetta (cfr. Cass., S.U. n. 15350/2015) il risarcimento del danno jure hereditario per la perdita della vita (c.d. danno tanatologico);

– la Corte ha correttamente liquidato unitariamente i vari profili del danno non patrimoniale da perdita del congiunto, rilevando come non fossero emersi elementi (di personalizzazione) tali da giustificare una maggiorazione degli importi tabellari;

il secondo motivo è inammissibile anche nella (residua) parte in cui censura la “svista” in cui sarebbe incorsa la Corte per non avere considerato che la P. e il Pa. non erano solo conviventi, ma erano anche sposati: trattasi, in effetti, di errore percettivo che avrebbe dovuto essere fatto valere in sede revocatoria;

le spese di lite seguono la soccombenza;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

la Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a rifondere alla controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 2.250,00 (di cui Euro 200,00 per esborsi), oltre rimborso spese forfettarie e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 24 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA