Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6628 del 14/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/03/2017, (ud. 10/01/2017, dep.14/03/2017),  n. 6628

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21195-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

SYNERGIT COMMUNICATION SRL, IN AMMISTRAZIONE STRAORDINARIA in persona

del Commissario Straordinario e legale rappresentante, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIALE G. MAZZINI 11, presso lo studio

dell’avvocato LIVIA SAININI, che la rappresenta e difende, giusta

procura a margine del ricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 257/2/2015, emessa il 9/03/2015 della

COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE di POTENZA, depositata il

23/03/2015;

vista la memoria difensiva di parte controricorrente;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/01/2017 dal Consigliere Dott. VELLA PAOLA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. si tratta di cartella di pagamento notificata il 20/1/2011, su controllo formale del mod. Unico 2007, con recupero a tassazione del credito Iva non dichiarato nel mod. Unico 2006 ma oggetto di dichiarazioni integrative del 29/1/2007 e 23/12/2010, ritenute tardive;

2. i giudici d’appello hanno ritenuto emendabile la dichiarazione entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione originaria e quindi legittimo il credito Iva, di cui il contribuente aveva dato completa giustificazione;

3. la ricorrente lamenta la violazione del D.P.R. n. 322 del 1998, art. 2, comma 8 – bis, e art. 8, comma 6, poichè la dichiarazione integrativa “a favore” del contribuente sarebbe ammissibile entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo;

4. all’esito della camera di consiglio, il Collegio ha disposto l’adozione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

5. il ricorso è manifestamente infondato, avendo questa Corte di recente chiarito che, indipendentemente dalle modalità e dai termini di cui alla dichiarazione integrativa prevista dal D.P.R. n. 322 del 1998, – ossia: 1) il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo, ex art. 2, comma 8 bis, per emendare errori od omissioni che abbiano determinato l’indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d’imposta o di un minor credito; 2) i termini stabiliti dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, per emendare errori od omissioni in grado di determinare un danno per l’amministrazione; 3) il termine di decadenza di quarantotto mesi dalla data del versamento, per il rimborso di cui al D.P.R. n. 602 del 1973, art. 38 – in ogni caso “il contribuente, in sede contenziosa, può sempre opporsi alla maggiore pretesa tributaria dell’amministrazione finanziaria, allegando errori, di fatto o di diritto, commessi nella redazione della dichiarazione, incidenti sull’obbligazione tributaria” (Cass. Sez. U. 30/06/2016, n. 13378), e ciò anche a fronte di pretesa tributaria azionata dal fisco “con diretta iscrizione a ruolo a seguito di mero controllo automatizzato”, purchè sia fornita la prova delle circostanze allegate (in senso conforme v. già Cass. nn. 21740/15, 10775/15, 26198/14, 3754/14, 2226/11); peraltro nel caso di specie non risultano prospettate in ricorso ulteriori questioni che intercettino i canoni elaborati dalle Sezioni Unite di questa Corte con le sentenze nn. 17757 e 17758 del 2016;

6. la rilevanza del recente intervento nomofilattico giustifica l’integrale compensazione delle spese processuali tra le parti;

7. risultando soccombente una parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato, in quanto amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 – quater, (Cass. Sez. U. sent. n. 9338/14; conf. Cass. sez. 4-L, ord. n. 1778/16 e Cass. 6-T, ord. n. 18893/16).

PQM

Rigetta il ricorso. Compensa integralmente le spese processuali.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA