Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6620 del 14/03/2017

Cassazione civile, sez. VI, 14/03/2017, (ud. 17/02/2017, dep.14/03/2017),  n. 6620

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 29686-2015 proposto da:

D.M.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI DUE

MACELLI 66, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO LANZI,

rappresentata e difesa dall’avvocato DIEGO MANZO;

– ricorrente –

contro

D.R.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 2355/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 25/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/02/2017 dal Consigliere Dott. LOMBARDO LUIGI

GIOVANNI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

D.M.R. ha proposto tre motivi di ricorso per la cassazione della sentenza di cui in epigrafe, con la quale la Corte territoriale, in riforma della sentenza di primo grado, ebbe a rigettare la domanda con la quale la stessa aveva chiesto la condanna della sorella D.R. (parte convenuta) all’adempimento dell’obbligazione, assunta con l’atto di divisione del 06/06/2002, di trasferirle una frazione di un locale cantinato nonchè al risarcimento del danno;

– la parte intimata non ha svolto attività difensiva;

– la ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– il Collegio, anche avuto riguardo alla memoria depositata dalla parte ricorrente, ritiene non sussistente l’evidenza decisoria;

PQM

La Corte Suprema di Cassazione rimette la causa alla pubblica udienza presso la Seconda Sezione Civile.

Così deciso in Roma, nella camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile, il 17 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA