Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6560 del 09/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 09/03/2020, (ud. 11/12/2019, dep. 09/03/2020), n.6560

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE MASI Oronzo – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24995-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

Società I.V.A.N. s.r.l., quale incorporante della Valdettaro

Immobiliare s.r.l. già Valdettaro Shipyard s.r.l. in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA XXIV MAGGIO 43, presso lo studio dell’avvocato PAOLO PURI,

che lo rappresenta e difende unitamente agli avvocati FRANCESCO

PISTOLESI, MARCO MICCINESI giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 36/2012 della COMM. TRIB. REG. di FIRENZE,

depositata il 23/08/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

11/12/2019 dal Consigliere Dott. ALDO CRISCUOLO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

L’Agenzia delle Entrate, sulla base di due motivi, ha chiesto la cassazione della sentenza n. 36/35/12, depositata il 23/8/2012, con la quale la CTR della Toscana ha respinto l’appello erariale in controversia avente ad oggetto l’avviso di accertamento, notificato a Valdettaro Shipyard s.r.l., poi Valdettaro Immobiliare s.r.l, oggi I.VAN s.r.l., con cui veniva recuperato il credito IVA non spettante, con irrogazione di sanzioni, e di queste ultime la contribuente si era doluta con il ricorso introduttivo del giudizio accolto dalla CTP di Massa-Carrara sul rilievo che si tratta di infrazione meramente formale.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Entrambe le parti hanno presentato istanza (la contribuente in data 6/10/2017 e 22/11/2019, l’Agenzia ricorrente in data 25/10/2019) per la declaratoria di estinzione del giudizio, avendo la società contribuente provveduto a perfezionare la definizione agevolata dei carichi fiscali, ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, ex art. 10, comma 8, come documentato in atti.

L’istanza va conseguentemente accolta e le spese del giudizio di legittimità compensate.

In considerazione dell’esito del giudizio, non sussistono i presupposti per condannare parte ricorrente al raddoppio del contributo unificato, di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater (Cass. n. 19560 del 2015).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 11 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 9 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA