Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6546 del 09/03/2020

Cassazione civile sez. trib., 09/03/2020, (ud. 21/11/2019, dep. 09/03/2020), n.6546

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. STALLA Giacomo Maria – Presidente –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – Consigliere –

Dott. PEPE Stefano – Consigliere –

Dott. MARTORELLI Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5039-2015 proposto da:

SIRTI SOCIETA’ PER AZIONI, elettivamente domiciliato in ROMA, V.LE

DELLE MILIZIE 1, presso lo studio dell’avvocato ADRIANO ROSSI, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 196/2015 della COMM.TRIB.REG. di MILANO,

depositata il 27/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/11/2019 dal Consigliere Dott. MARTORELLI RAFFAELE.

Fatto

RILEVATO

CHE:

– la SIRTI spa, ricorrente avverso la sentenza n. 196/19/2015 della CTR della Lombardia, con atto di rinuncia del 19.10.2018, ha dichiarato di aver definito un “ACCORDO QUADRO” con l’AGENZIA delle ENTRATE (D.P. I e II di Milano) a definizione delle controversie per gli anni di imposta 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015;

– in ragione di tale “ACCORDO” era addivenuta ad una composizione delle vicende giudiziali e l’Agenzia delle Entrate D.R.E. Lombardia aveva provveduto a definire nelle forme dell’autotutela parziale l’atto di accertamento per cui è causa relativo all’anno 2007;

– pertanto, dichiarava di rinunciare al ricorso proposto, relativo al fascicolo n. 5039/2015 con compensazione totale delle spese;

– la resistente Agenzia delle Entrate, dal canto suo, ha comunicato, a mezzo dell’Avvocatura Generale dello Stato, di accettare la rinuncia ex adverso notificata, richiedendo la cessazione della materia del contendere con compensazione delle spese;

– va dichiarata la declaratoria di estinzione del giudizio nei termini indicati, con esclusione dell’applicabilità del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, che consegue alle sole declaratorie di infondatezza nel merito ovvero di inammissibilità o improcedibilità dell’impugnazione (Cass. n. 25485 dell’8.3. 2018).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 21 novembre 2019.

Depositato in cancelleria il 9 marzo 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA