Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6529 del 14/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/03/2017, (ud. 24/02/2017, dep.14/03/2017),  n. 6529

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20666-2016 proposto da:

A.C.H., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato difeso

dall’avvocato ALBERTO FILIPPINI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO Commissione Territoriale per il riconoscimento

della Protezione Internazionale di Roma, PROCURATORE GENERALE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 216/2016 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI,

depositata il 24/03/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/02/2017 dal Consigliere Dott. GENOVESE FRANCESCO

ANTONIO.

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

La Corte d’appello di Cagliari, con la sentenza n. 216 del 2016 (pubblicata il 25 agosto 2016), nel procedimento di protezione umanitaria e di richiesta del permesso di soggiorno per motivi umanitari da parte di A.C.H., sulla decisione negativa del Tribunale di quella stessa città in ordine al riconoscimento dello status di rifugiato, ha dichiarato l’inammissibilità dell’unica domanda proposta in appello (quella di protezione sussidiaria o, in subordine, del permesso di soggiorno per motivi umanitari) in difetto di una specifica censura dell’omessa pronuncia da parte del Tribunale e di una mera riproposizione della domanda avanzata in prime cure.

Contro tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione il signor A.C.H..

Il Collegio condivide la proposta di definizione della controversia notificata alle parti costituite nel presente procedimento, alla quale non sono state mosse osservazioni critiche.

Il ricorso per cassazione, infatti, risulta manifestamente fondato in quanto, al riguardo, pur nel contrasto di giurisprudenza manifestatosi, è da preferire la regola secondo cui “In caso di omessa pronuncia da parte del giudice di primo grado su un punto della domanda, l’appellante, ai fini della specificità del motivo di gravame, deve soltanto reiterare la richiesta non esaminata in prime cure, stante l’assenza di qualsivoglia motivazione sulla quale costruire la doglianza; tale soluzione, consentendo al giudice di appello di decidere sulla domanda non considerata in primo grado, risponde anche ad esigenze di economia e concentrazione processuale, posto che, ove venisse invece dichiarata l’inammissibilità dell’impugnazione (per difetto di specificità), la parte conserverebbe la facoltà di riproporre la domanda dichiarata inammissibile in un separato giudizio. ” (Cass. Sez. 3, Sentenza n. 4388 del 2016).

Di conseguenza il ricorso deve essere accolto e cassata la sentenza impugnata, con rinvio della causa alla Corte d’appello di Cagliari in diversa composizione.

PQM

La Corte, accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata, e rinvia la causa, anche per le spese di questa fase del giudizio, alla Corte d’appello di Cagliari, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della 6-1a sezione civile della Corte di Cassazione, il 24 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA