Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6477 del 22/03/2011

Cassazione civile sez. II, 22/03/2011, (ud. 25/11/2010, dep. 22/03/2011), n.6477

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

B.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIALE ANGELICO 92, presso lo studio dell’avvocato

PIETROLUCCI ANDREA, che lo rappresenta e difende, giusta delega a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

B.C.D.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 14791/2009 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA del 29.4.09, depositata il 24/06/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

25/11/2 010 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. PIERFELICE

PRATIS.

PREMESSO IN FATTO

Che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. si legge quanto

segue:

“Trattasi di istanza di correzione di errore materiale, in sentenza

di questa Corte, consistito nella liquidazione delle spese

processuali “in complessivi Euro 1.700,00, di cui 2.000 per onorari”.

Essa va esaminata in camera di consiglio ai sensi dell’art. 391 bis

c.p.c., comma 2, ed appare fondata”.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

Che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. si legge quanto segue:

“Trattasi di istanza di correzione di errore materiale, in sentenza di questa Corte, consistito nella liquidazione delle spese processuali “in complessivi Euro 1.700,00, di cui 2.000 per onorari”.

Essa va esaminata in camera di consiglio ai sensi dell’art. 391 bis c.p.c., comma 2, ed appare fondata”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che detta relazione è stata ritualmente comunicata e notificata ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comma 3;

che non sono state presentate conclusioni o memorie;

che il Collegio, condividendo la valutazione di fondatezza dell’istanza formulata dal Consigliere relatore, ritiene che l’evidente errore vada corretto nel senso che l’importo degli onorari è – conformemente alla prassi di questa Corte in casi analoghi – Euro 1.500,00, e non 2.000,00;

che non vi è luogo a provvedere sulle spese processuali (cfr. Cass. 10203/2009, 8103/2008, 9438/2002).

P.Q.M.

La Corte corregge il dispositivo della sentenza 24 giugno 2009, n. 14791 di questa Corte nel senso che, ove si legge “2.000”, debba leggersi “1.500”.

Così deciso in Roma, il 25 novembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 marzo 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA