Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6411 del 17/03/2010

Cassazione civile sez. un., 17/03/2010, (ud. 02/03/2010, dep. 17/03/2010), n.6411

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARBONE Vincenzo – Primo Presidente –

Dott. PAPA Enrico – Presidente di sezione –

Dott. DE LUCA Michele – Presidente di sezione –

Dott. MERONE Antonio – Consigliere –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.M. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA MONTECERVIALTO 165, presso lo studio dell’avvocato

MASTROMARINO CLAUDIO, che lo rappresenta e difende, per delega a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

PROCURATORE GENERALE RAPPRESENTANTE IL PUBBLICO MINISTERO PRESSO LA

CORTE DEI CONTI DI ROMA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

BAIAMONTI 25;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 325/2008 della CORTE CONTI – Terza Sezione

giurisdizionale centrale d’appello – ROMA, depositata il 23/10/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

02/03/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO.

La Corte:

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

Che la terza sezione giurisdizionale d’appello della Corte dei Conti con sentenza del 23.10.2008 ha respinto l’appello proposto dal M. avverso la sentenza con la quale la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Campania lo aveva condannato al risarcimento del danno erariale cagionato al Comune di Lacedonia (per ulteriori ed inutili spese sostenute dall’Amministrazione a causa di gravi negligenze, omissioni e ritardi nell’attuazione di un programma abitativo finanziato, diretto a risanare casette asismiche costruite a seguito del terremoto del 1930), ritenendo che nella specie non ricorreva la violazione del principio d’insindacabilità nel merito delle scelte discrezionali della P.A., posto che non era in discussione la scelta attuata dagli amministratori tra diverse forme di affidamento dei lavori, bensì la condotta omissiva del M.;

che quest’ultimo ha proposto ricorso per Cassazione, al quale resiste con controricorso il P.G. presso la Corte dei Conti;

che in data 30.11.2009 il consigliere relatore, ex art. 380 bis c.p.c., ha proposto che il ricorso sia dichiarato inammissibile;

osserva, il quesito (se la gestione del risanamento delle casette sismiche rientri nell’ambito dell’insindacabilità delle scelte discrezionali di merito della P.A., esulando dalla giurisdizione della Corte dei Conti) è assolutamente impertinente rispetto al tenore della decisione impugnata, la quale pone in evidenza che la responsabilità contabile viene affermata non in relazione alle scelte tra le diverse forme di affidamento dei lavori, ma in relazione alla condotta omissiva del M., il quale non assunse gli opportuni provvedimenti per lo sgombero degli immobili interessati ai lavori di risanamento, con conseguente stipula del contratto d’appalto senza tener conto del ritardo nella consegna delle aree e danni all’appaltatore (poi riversati sull’Amministrazione) per il protrarsi del tempo di esecuzione dei lavori;

il quesito inconferente va assimilato all’ipotesi di mancanza di quesito, ex art. 366 bis c.p.c.;

la Corte è esonerata dal provvedere sulle spese del giudizio di Cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 2 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 marzo 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA