Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6350 del 10/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/03/2017, (ud. 05/12/2016, dep.10/03/2017),  n. 6350

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1555-2014 proposto da:

BANCA POPOLARE di BARI soc. coop. p.a. (OMISSIS), quale mandataria

della Cassa di Risparmio di Orvieto s.p.a., in persona del

Procuratore speciale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA NIZZA

59, presso lo studio dell’avvocato MARCO CARDINALI, rappresentata e

difesa dall’avvocato SERGIO FINETTI giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO di P.S., in persona del Curatore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA ATERNO, 9, presso lo studio dell’avvocato

ISABELLA CAPASSO, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato MARCELLO CAPRIO giusta procura speciale a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto N. 380/2013 del TRIBUNALE di TERNO (già TRIBUNALE

DI ORVIETO) depositato il 16/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

05/12/2016 dal consigliere relatore, Dott.ssa. CRISTIANO MAGDA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

E’ stata depositata la seguente relazione:

1) Banca Popolare di Bari soc. coop..p.a., nella sua qualità di mandataria della Cassa di Risparmio di Orvieto s.p.a., impugna con ricorso per cassazione, affidato a due motivi, il decreto del Tribunale di Terni del 16.12.2013, che ha respinto l’opposizione L.Fall., ex art. 98, da essa proposta per ottenere l’ammissione allo stato passivo del Fallimento di P.S. del credito di oltre 327.000 Euro, preteso a saldo del conto corrente intrattenuto dall’imprenditore poi fallito presso la banca mandante.

Il curatore del Fallimento ha depositato controricorso.

2) Con il primo motivo la ricorrente, denunciando vizio di motivazione del decreto impugnato, lamenta che il giudice del merito abbia ritenuto inopponibile al curatore l’estratto autentico delle scritture contabili, da essa prodotto ai sensi del D.Lgs. n. 385 del 1993, art. 50, nonostante il P. non avesse mai contestato gli estratti del conto nel corso del rapporto.

Il motivo appare manifestamente infondato.

Al di la del rilievo che il vizio di motivazione denunciabile ai sensi del novellato art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), deve consistere nell’omesso esame di un fatto decisivo, oggetto di contraddittorio fra le parti, la censura trova smentita nella giurisprudenza consolidata di questa Corte, secondo cui l’art. 2710 c.c., che conferisce efficacia probatoria tra imprenditori, peri rapporti inerenti all’esercizio dell’impresa, ai libri regolarmente tenuti – non trova applicazione nei confronti del curatore il quale agisca non in via di successione di un rapporto precedentemente facente capo al fallito, ma nella sua qualità di terzo, gestore del patrimonio del medesimo (fra molte, Cass. S.U.. 20 febbraio 2013, n. 4213; Cass. 7 luglio 2015, n. 14054).

3) Col secondo motivo, denunciando violazione degli artt. 1832, 1857, 2220 e 2697 c.c., la ricorrente sostiene che il tribunale avrebbe errato nel ritenere non provato il credito in mancanza degli estratti del contro relativi ai primi dodici anni del rapporto.

Anche questo motivo appare manifestamente infondato, alla luce del consolidato) orientamento di questa Corte a tenore del quale, nei rapporti bancari regolati in conto corrente, l’insussistenza di un obbligo della banca di conservare le scritture contabili oltre dieci anni dalla data dell’ultima registrazione non può sollevarla dall’onere della prova piena del credito vantato anche per il periodo anteriore (Cass. 20 aprile 2016, n. 7972; Cass. 26 gennaio 2011, n. 1842).

4) Il ricorso dovrebbe, in conclusione, essere respinto, con decisione che potrebbe essere assunta in camera di consiglio ai sensi degli artt. 375 e 380 – bis c.p.c..

Il collegio ha esaminato gli atti, ha letto la relazione e ne ha condiviso le conclusioni, peraltro non contrastate dalla ricorrente, che non ha depositato memoria.

Il ricorso va pertanto respinto.

Le spese del giudizio seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 7.200, di cui Euro 200 per esborsi, oltre rimborso forfetario e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

Così deciso in Roma, il 5 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA