Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6343 del 10/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/03/2017, (ud. 05/12/2016, dep.10/03/2017),  n. 6343

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15129-2014 proposto da:

M.E., V.M., MO.ST., elettivamente

domiciliate in ROMA, VIA GIOVANNI BATTISTA TIEPOLO N. 4, presso lo

studio dell’avvocato PASQUALE LO CANE, rappresentate e difese

dall’avvocato GIOVANNI PAOLO SAVINO, giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrenti –

nonchè contro

FALLIMENTO di CAPRICCI di G.A.I. & C. SAS;

– intimata –

avverso il Decreto n. 7/2014 del TRIBUNALE di PISTOIA, depositato il

12/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

05/12/2016 dal consigliere relatore, Dott.ssa CRISTIANO MAGDA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

E’ stata depositata la seguente relazione:

1) M.E., Mo.St. e V.M. impugnano con ricorso per cassazione, affidato a due motivi, il decreto del Tribunale di Pistoia del 12.5.2014 che ha dichiarato inammissibile l’opposizione L.Fall., ex art. 98, da esse proposta per ottenere l’ammissione allo stato passivo del fallimento di Capricci s.a.s di G.A. & C. dei crediti rispettivamente vantati in virtù del rapporto di lavoro intrattenuto con la società in bonis, rilevando clic le opponenti non avevano prodotto la domanda di insinuazione nè il decreto del G.D. che aveva dichiarato esecutivo lo stato passivo, così precludendo la verifica della tempestività dell’impugnazione.

Il Fallimento intimato, cui il ricorso è stato ritualmente notificato, non svolge attività difensiva.

2) Con il primo motivo le ricorrenti contestano che ai fini dell’ammissibilità dell’opposizione fosse loro onere di produrre la domanda di insinuazione.

2.1) Col secondo deducono che era onere del Fallimento di eccepire la tardività dell’opposizione e di fornire la prova di tale eccezione.

I motivi appaiono manifestamente fondati.

Questa Corte ha infatti già ripetutamente affermato che il ricorso con il quale, a norma della L.Fall., art. 93, si propone domanda di ammissione allo stato passivo non è un documento probatorio del credito e non può, pertanto, ritenersi compreso fra i documenti che, nell’ipotesi in cui il giudice delegato abbia respinto, in tutto o in parte, la domanda, devono essere prodotti a pena di decadenza, ai sensi della L.Fall., art. 99, comma 2, al momento del deposito del ricorso in opposizione (Cass. nn. 18253/015; 3164/014).

Va aggiunto che non è dato comprendere perchè la produzione dell’originaria domanda di insinuazione sarebbe necessaria ai fini della verifica della tempestività dell’opposizione.

Parimenti incomprensibili sono le ragioni per le quali il tribunale ha ritenuto che la tempestività dell’opposizione dovesse desumersi dalla data di esecutività dello stato passivo, atteso che il termine decadenziale di cui alla L.Fall., art. 99, non decorre da tale data ma da quella, successiva, in cui il curatore dà comunicazione al creditore dell’avvenuto deposito del decreto di esecutività.

Si dovrebbe pertanto concludere per l’accoglimento del ricorso, con decisione che potrebbe essere assunta in camera di consiglio ai sensi degli artt. 375 e 380 – bis c.p.c..

Il collegio ha esaminato gli atti, ha letto la relazione e ne ha condiviso le conclusioni.

Il ricorso va pertanto accolto, con conseguente cassazione del decreto impugnato e rinvio della causa, per l’esame del merito delle opposizioni, al Tribunale di Pistoia in diversa composizione, che liquiderà anche le spese di questo giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato e rinvia al Tribunale di Pistoia in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 5 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA