Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6340 del 08/03/2021

Cassazione civile sez. I, 08/03/2021, (ud. 08/01/2021, dep. 08/03/2021), n.6340

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. VANNUCCI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19019/2019 proposto da:

K.M., elettivamente domiciliato presso l’indirizzo di posta

elettronica certificata avv.briganti.pec.iusreporter.it,

rappresentato e difeso dall’avv. G. Briganti, giusta procura in

atti;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’interno, (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di ANCONA, depositato il 07/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

08/01/2021 dal Cons. Dott. SOLAINI LUCA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

Il Tribunale di Ancona ha respinto il ricorso proposto da K.M. cittadino del (OMISSIS), avverso il provvedimento della competente Commissione territoriale che aveva negato al richiedente asilo il riconoscimento della protezione internazionale anche nella forma sussidiaria e di quella umanitaria.

Il ricorrente ha riferito di aver subito nel proprio paese atti discriminatori tesi a pregiudicare la propria libertà religiosa, nè era riuscito ad avere protezione dalla polizia che è corrotta.

A supporto della decisione di rigetto, il tribunale ha ritenuto che le dichiarazioni del ricorrente non fossero credibili perchè non circostanziate e contraddittorie. Il tribunale non ha, quindi, ritenuto sussistenti i presupposti per il riconoscimento della protezione internazionale nelle sue diverse forme; il medesimo tribunale ha, inoltre, reputato assenti anche qualunque situazione soggettiva legata a una condizione di particolare vulnerabilità.

Contro il decreto del medesimo tribunale è ora proposto ricorso per cassazione sulla base di quattro motivi di ricorso, illustrati da memoria.

Il Ministero dell’Interno non ha spiegato difese scritte.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il ricorrente, censura la decisione del tribunale: (i) sotto un primo profilo, per nullità del decreto, per violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis, comma 1 e comma 11, lett. a) e art. 13, artt. 737,135 c.p.c., art. 156 c.p.c., comma 2, nonchè dell’art. 111 Cost., comma 6, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, perchè la motivazione del decreto impugnato è omessa o carente, in particolare, con riferimento alla credibilità; (ii) sotto un secondo profilo, per omesso esame di un fatto decisivo, che è stato oggetto di discussione tra le parti, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per omesso esame dei fatti rappresentati dal richiedente; (iii) sotto un terzo profilo, per violazione dell’art. 2 Cost., art. 10 Cost., comma 3 e art. 32 Cost., L. n. 881 del 1977, art. 11,D.Lgs. n. 25 del 2008, artt. 8, 9, 10, 13, 27, 32 e art. 35 bis, comma 11 e dell’art. 16 della dir. n. 2013/32, nonchè degli artt. 2, 3 – anche in riferimento all’art. 115 c.p.c. – del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 5, 6, 7 e 14 e del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6 e art. 19, comma 2, per la ritenuta non credibilità del ricorrente (p. 32 e ss. del ricorso), censurando, altresì, la mancanza di un ruolo attivo del giudice del merito, se serviva per chiarire aspetti oscuri della vicenda; (iv) sotto un quarto profilo, per violazione degli artt. 6 e 13 della convenzione EDU, dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e dell’art. 46 della dir. n. 2013/32, per mancato rispetto del principio di effettività del ricorso, in presenza della denunciata violazione de dovere di cooperazione istruttoria.

Il primo motivo è infondato, in quanto non vi è nessuna omessa o carente motivazione del provvedimento impugnato in quanto la motivazione si colloca ben al di sopra del “minimo costituzionale” mentre la richiesta di nuova audizione (pp. 18 e ss. del ricorso) davanti al tribunale è risultata generica (Cass. n. 21584/20).

Il secondo motivo è inammissibile, perchè assolutamente generico in quanto non mira ad “aggredire” nessuna ratio decidendi della sentenza impugnata.

Il terzo motivo è inammissibile, perchè solleva censure di merito sul giudizio di non credibilità che è valutazione discrezionale (anche se non arbitraria) del giudice del merito, non censurabile in cassazione se adeguatamente motivato, come nella specie.

Il quarto motivo è inammissibile per genericità, in quanto richiamando il precedente motivo, non censura nessuna particolare statuizione del decreto impugnato.

La mancata costituzione dell’amministrazione statale esonera il collegio dal provvedere sulle spese.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, ove dovuto, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello corrisposto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 8 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 marzo 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA