Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6324 del 14/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 14/03/2018, (ud. 06/12/2017, dep.14/03/2018),  n. 6324

Fatto

La Corte d’appello di Palermo, con sentenza n. 403/2011, respingendo l’appello proposto dal dottor B.E. nei confronti dell’Inps anche quale mandatario di S.C.C.I. s.p.a e del concessionario per la riscossione Serit Sicilia s.p.a., ha confermato la decisione del Tribunale di Trapani relativa alla sussistenza del credito contributivo preteso dall’Inps con cartella esattoriale per un importo di Euro 32.358,55 derivante dalla inadempienza del contratto di riallineamento e di pregressi obblighi contributivi nel periodo 1996-1999 relativi al dipendente C.P., per il quale B.E. aveva avanzato domanda di regolarizzazione il 20 aprile 1999.

La Corte territoriale ha ritenuto che la normativa sul riallineamento introdotta dal D.L. 1 ottobre 1996, n. 510, art. 5, conv. in L. 28 novembre 1996, n. 608, non riguardasse i liberi professionisti non imprenditori (come il B. che aveva esercitato la professione di commercialista), inoltre, che la sanatoria derivante dall’adesione agli accordi di riallineamento fosse vincolata all’esatto adempimento degli obblighi futuri rispetto al momento in cui era avvenuta l’adesione, per cui poichè il B. era venuto meno alla puntualità dei pagamenti rateali pianificati, senza che tale condotta fosse giustificata da omesse cooperazioni da parte dell’INPS non previste dalla norma, non poteva che verificarsi la decadenza dal beneficio e la impossibilità di fruizione degli ulteriori sgravi concessi ai sensi della L. n. 388 del 2000, art. 116, comma 4, lett. b).

Avverso tale sentenza ricorre per cassazione B.E. con tre motivi Resiste l’INPS con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1) Con il primo, complesso, motivo di ricorso si denuncia: a) violazione di legge relativa all’art. 2238 c.c., al D.L. n. 510 del 1996, art. 5, e succ. modif., nonchè relativa all’art. 345 c.p.c.; b) vizio di motivazione relativo alla individuazione della nozione d’impresa in capo al professionista che si avvalga di dipendenti.

2) Con il secondo motivo si afferma: a) violazione del citato D.L. n. 510 del 1996, art. 5, e succ. modif.; b) insufficiente motivazione con riferimento agli effetti decadenziali totali connessi al mancato rispetto della puntualità dei pagamenti rateali in favore dell’Inps ma non nei riguardi del lavoratore ed al mancato riconoscimento dell’onere di cooperazione da parte dell’Inps all’interno della procedura.

3. Il terzo motivo ha per oggetto: a) la violazione della L. n. 388 del 2000, art. 116, commi 4 e 8; b) il vizio di motivazione, in considerazione della circostanza che la citata disposizione prevede, in caso di ritardato o mancato pagamento dei contributi, l’obbligo di pagare una sanzione civile e non la decadenza del beneficio.

4. Le questioni oggetto dei motivi di ricorso risultano tutte dipendenti dalla soluzione, cui va data risposta negativa, della questione preliminare oggetto del primo motivo di ricorso, relativa all’applicabilità della procedura di riallineamento anche alla figura del libero professionista non imprenditore.

5. Il complesso normativo riferibile alla materia del riallineamento retributivo va ricondotto storicamente ad una serie di norme (D.L. 9 ottobre 1989, n. 338, art. 6comma 11, (convertito nella L. 7 dicembre 1989, n. 389) D.M. 21 ottobre 1989, D.M. 11 giugno 1990; D.L. 20 gennaio 1989, n. 3, art. 1 comma 7, in L. 21 marzo 1990, n. 52, D.L. 19 gennaio 1991, n. 18, art. 1 comma 10, in L. 20 marzo 1991, n. 89, D.L. 22 marzo 1993, n. 71, art. 2, comma 5, in L. 20 maggio 1993, n. 151, D.L. 16 maggio 1994, n. 299, art. 19, comma 3, in L. 19 luglio 1994, n. 45).

6. La normativa è stata poi specificata con il D.L. 1 ottobre 1996, n. 510, art. 5, (convertito nella L. 28 novembre 1996, n. 608) e tale disposizione è stata modificata dalla L. 23 dicembre 1998, n. 448, art. 75, e successivamente dalla L. 17 maggio 1999, n. 144, art. 45, con l’adozione di una misura di ampliamento del beneficio ad altri territori diversi da quelli originari, e del profilo temporale, mediante la sanatoria di periodi pregressi. Si è inteso, così, consentire anche alle imprese che non avevano erogato ai propri dipendenti trattamenti non inferiori a quelli previsti dalla contrattazione collettiva nazionale, ai sensi della L. n. 389 del 1989. e che quindi erano inadempienti agli obblighi contributivi e non avrebbero potuto fruire degli sgravi fiscali e della fiscalizzazione degli oneri sociali, di poter ugualmente accedere ai detti benefici attraverso l’adesione ad uno strumento contrattuale sindacale, territoriale o aziendale, di graduale riallineamento agli importi retributivi di legge. Ciò sulla base del presupposto che si trattasse di imprese che avevano erogato retribuzioni inferiori al minimo contrattuale collettivo a causa delle svantaggiate condizioni economiche ed al fine di mantenere integro il livello occupazionale, posto che il repentino ripristino delle situazioni di indebita fruizione dei benefici e l’integrale pagamento della contribuzione dovuta avrebbero generato effetti devastanti sull’occupazione.

6. La ratio dell’intero complesso normativo è, dunque, palesemente legata alla necessità di salvaguardare i livelli occupazionali delle zone economicamente svantaggiate ed in questa ottica va condotta l’interpretazione del testo di legge al fine di selezionare dal punto di vista soggettivo la platea dei suoi destinatari, giacchè solo il soggetto economicamente rilevante può influire sul livello occupazionale.

7. Il D.L. n. 508 del 1996, art. 5, conv. in L. n. 610 del 1996, è chiaramente diretto ai soli soggetti che svolgono attività imprenditoriali come si evince dal testo: ” Al fine di salvaguardare i livelli occupazionali e di consentire la regolarizzazione retributiva e contributiva per le imprese operanti nei territori di cui alle zone di cui all’art. 92, paragrafo 3, lett. a), del Trattato istitutivo della Comunità Europea, ad eccezione di quelle appartenenti ai settori disciplinati dal Trattato CECA, delle costruzioni navali, delle fibre sintetiche, automobilistico e dell’edilizia”.

7. Se la fruizione dell’agevolazione connessa all’adesione ai contratti di riallineamento postula che ne benefici una impresa, deve ora risolversi la questione del rapporto esistente tra l’attività libero professionale (svolta in modo incontestato dal ricorrente) e l’esercizio dell’attività d’impresa.

Questa Corte di legittimità, a tale proposito, ha convincentemente avuto modo di affermare che anche il professionista intellettuale assume la qualità di imprenditore commerciale quando esercita la professione nell’ambito di un’attività organizzata in forma d’impresa, in quanto svolga una distinta e assorbente attività che si contraddistingue da quella professionale per il diverso ruolo che riveste il sostrato organizzativo – il quale cessa di essere meramente strumentale – e per il differente apporto del professionista, non più circoscritto alle prestazioni d’opera intellettuale, ma involgente una prevalente azione di organizzazione, ossia di coordinamento e di controllo dei fattori produttivi, che si affianca all’attività tecnica ai fini della produzione del servizio (Cass. n. 2645 del 1982; 13677 del 2004; 28312 del 2011).

8. Applicando tale principio alla fattispecie in esame, va quindi affermato che solo laddove il libero professionista alleghi e dimostri di aver esercitato una attività di coordinamento e controllo di fattori della produzione ulteriore rispetto alla tipica attività professionale, può accertarsi la natura imprenditoriale della relativa attività e da ciò riconoscersi il diritto alla fruizione delle agevolazioni previste dal D.L. n. 508 del 1996, art. 6, conv. in L. n. 610 del 1996, e succ. modif. ed integr.

9. Nel caso di specie, difetta del tutto tale allegazione per cui va escluso, come affermato dalla sentenza impugnata, che al ricorrente possa riconoscersi il diritto alla fruizione dei benefici di cui ai contratti di riallineamento.

10. Tale conclusione, come è evidente, determina l’assorbimento di tutte le altre doglianze che poggiano, all’opposto, sul riconoscimento del diritto ad avvalersi dell’agevolazione e mirano ad accertare il sostanziale rispetto della prevista procedura di riallineamento. Va, dunque, respinto il primo motivo di ricorso con assorbimento di tutti gli altri motivi.

10. Le spese seguono la soccombenza nella misura indicata in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il primo motivo e dichiara assorbiti gli altri; condanna il ricorrente alle spese del presente giudizio che liquida, in favore del contro ricorrente, in Euro 2.500,00 per compensi, oltre ad Euro 200,00 per esborsi, spese forfettarie nella misura del 15 per cento e spese accessorie di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 6 dicembre 2017.

Depositato in Cancelleria il 14 marzo 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA