Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6316 del 10/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/03/2017, (ud. 17/02/2017, dep.10/03/2017),  n. 6316

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1234-2016 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato GAETANO

ALOISI MAUGERI;

– ricorrente –

contro

S.R.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1024/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 12/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/02/2017 dal Consigliere Dott. LOMBARDO LUIGI

GIOVANNI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– C.G. ha proposto due motivi di ricorso per la cassazione della sentenza di cui in epigrafe, con la quale la Corte territoriale lo condannò al pagamento, in favore di S.R., del corrispettivo dovutogli per l’installazione di un impianto elettrico;

– la parte intimata non ha svolto attività difensiva;

– parte ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– i due motivi di ricorso (il primo motivo proposto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 e il secondo proposto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, relativi all’esistenza di vizi nell’impianto elettrico realizzato, alla sua inidoneità tecnica e alla gravità dell’inadempimento) sono inammissibili, in quanto pongono in discussione l’accertamento dei fatti compiuto dai giudici di merito sulla base delle consulenza tecnica esperita (i giudici hanno spiegato che il C.T.U. ha tenuto conto, nel quantificare la somma dovuta, dei vizi presenti nell’impianto e del deprezzamento dello stesso, dovendosi invece escludere la sua pretesa inidoneità tecnica e la necessità del suo integrale rifacimento), accertamento che è insindacabile in sede di legittimità, risultando peraltro la motivazione della sentenza impugnata non apparente nè manifestamente illogica (cfr. Cass., Sez. U, n. 8053 del 07/04/2014);

– la memoria depositata dal difensore non offre argomenti nuovi rispetto ai motivi di ricorso, essendo meramente reiterativa degli stessi;

– il ricorso va, pertanto, rigettato;

– nulla va statuito sulle spese, non avendo la parte intimata svolto attività difensiva;

– essendo il ricorrente ammesso al patrocinio gratuito, nulla va disposto in ordine al raddoppio del versamento del contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater.

PQM

rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile, il 17 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA