Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 6312 del 10/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/03/2017, (ud. 10/02/2017, dep.10/03/2017),  n. 6312

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26703-2015 proposto da:

C.G.O, rappresentata e difesa ex art. 86 c.p.c., dalla

stessa avvocato C.G.;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che lo rappresenta e difende;

– resistente –

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di MILANO, depositata il

25/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/02/2017 dal Consigliere Dott. SCARPA ANTONIO.

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Tribunale di Milano, in data 13 ottobre 2014, ha liquidato, ai sensi dell’art. 116 d.p.r. 115/2002, all’avvocato C.G.o la somma di Euro 500,00 per l’attività svolta quale difensore d’ufficio di Co.Co.. Lo stesso Tribunale di Milano, con ordinanza depositata in data 25 settembre 2015, ha respinto l’opposizione in ordine alla mancata liquidazione delle spese sostenute dall’avvocato G. per il recupero del suo credito professionale. Per la cassazione di questo provvedimento ricorre l’avvocato G. sulla base di un unico motivo. Il Ministero della Giustizia, intimato, non ha presentato controricorso, pur depositando atto di costituzione al fine dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione della causa.

Ritenuto che il ricorso potesse essere accolto per manifesta fondatezza, con la conseguente definibilità nelle forme di cui all’art. 380 bis c.p.c., in relazione all’art. 375c.p.c., comma 1, n. 5), su proposta del relatore, il presidente ha fissato l’adunanza della camera di consiglio.

L’unico motivo di ricorso (con cui si denuncia la violazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 e 5 – erronea applicazione delle norme di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, artt. 82 e 116) è manifestamente fondato, in quanto il difensore d’ufficio che abbia inutilmente esperito la procedura esecutiva volta alla riscossione dell’onorario, ha diritto al rimborso dei compensi ad essa relativi in sede di liquidazione degli stessi da parte del giudice, ai sensi del combinato disposto del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, artt. 82 e 116 (Cass. Sez. 6- 2, 20 dicembre 2011, n. 27854; Cass. Sez. 6- 2, 13 settembre 2012, n. 15394; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 24104 del 17/11/2011).

Conseguono l’accoglimento del ricorso, la cassazione dell’impugnata ordinanza ed il rinvio della causa al Tribunale di Milano in diversa composizione, che deciderà uniformandosi all’enunciato principio, provvedendo anche sulle spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa l’impugnata ordinanza e rinvia la causa al Tribunale di Milano in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della 6 – 2 Sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 10 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 marzo 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA